Il Viminale ha dato mandato all’Avvocatura dello Stato di impugnare la decisione del Tar sul divieto di ingresso in acque territoriali per la nave Ong spagnola Open Arms.

Ad ora, nessun Paese europeo ha avanzato passi formali per l’accoglienza degli immigrati a bordo, mentre l’Italia sta ancora aspettando che altri Stati mantengano la parola data sulle promesse di presa in carico del passato…

Speriamo tutti facciano la loro parte per tutelare i confini e la dignità dell’Italia, io ce la metto tutta, Amici.

 

Continuo a pensare che aprire dibattiti su Governi futuri prima che quello in carica cada sia un errore. Nasconde il dato politico di fondo: l’esperienza del governo populista è fallita. Il PD è pronto per andare alle elezioni e proporre un’idea diversa rispetto al Paese dell’odio e in questo senso si sta organizzando.

Vedremo, dopo questo fastidioso ginepraio di parole senza contenuti e senza valori, cosa accadrà martedì nel dibattito aperto dal Presidente Conte. Diciamo no a qualsiasi ipotesi di Governo pasticciato e di corto respiro.

Solo nello sviluppo dell’eventuale crisi di Governo sotto la guida autorevole del Presidente Mattarella si potranno verificare, se esistono, le condizioni numeriche e politiche di un Governo diverso con una larga base parlamentare che nasca non a tutti i costi per la paura delle urne, che non abbiamo, ma dalla reale possibilità di trasformare l’Italia, cambiare e rifondare l’Europa e ricostruire una speranza.

 

 

 

 

 

Giornata tersa, vento da sud arrivato regolare dopo una nottata e una mattinata di vento da nord bello teso e altre quattro regate valide per i Campionati del Mondo Classe Kona: questo il bilancio del secondo giorno di gare, che si è svolto nel migliori dei modi con una luce fantastica tra acqua e montagne, che impressionano sempre per la loro bellezza il turista che arriva per la prima volta sul Garda Trentino. Al Circolo Surf Torbole dunque tutto procede per il meglio per questo evento che accoglie quasi 80 concorrenti da 14 nazioni e contemporaneamente offre ospitalità anche alla squadra nazionale olimpica FIV, in allenamento con la tavola RS:X, in vista dei mondiali assoluti in programma tra un mese.

Dal punto di vista agonistico la flotta è decisamente divisa in due analizzando il punteggio dei primi 4-5 rispetto al seguito: davanti procedono senza troppi errori i più esperti e poi seguono tutti coloro, che non hanno velleità di risultato, ma hanno il semplice quanto sano obbiettivo di divertirsi. Con la disputa della quinta prova e quindi con la possibilità di scartare la regata peggiore, qualcosa è naturalmente cambiato nella top five, dopo le otto regate totali svolte finora: l’olandese Tak con le regate di venerdì ha fatto capire che vuole riprendersi il titolo vinto nel 2016.

Quattro primi con condizioni impegnative lo hanno proiettato in vetta alla classifica provvisoria, prendendosi 4 punti di vantaggio sul danese Tim Aagesen (tre secondi e un terzo di giornata), attualmente secondo. Ben 10 punti separano il terzo classificato, il norvegese Thomas Martinsen, forte di una buona regolarità. Sceso al quarto posto assoluto, ma solo con 4 punti di ritardo rispetto al terzo, ma sempre primo under 18, lo statunitense Alexander Temko, seguito dal connazionale Maverick Putnam, della stessa categoria giovanile. Tra le donne ancora in testa la canadese Andree Gauthier, seconda la svedese Johanna Hjertberg e terza l’altra svedese Lovisa Toft, prima under 18. Una donna in testa nella flotta silver, categoria che fa il percorso ridotto con un solo giro: l’americana Anna Vasta è nettamente prima, seguita dall’olandese Lucien Van Delst.

L’assessore fa il punto con APSS sull’organizzazione dei turni all’ospedale. Segnana: “Da martedì sera anestesista di notte ad Arco”.

“L’attenzione sulla sicurezza e sulla qualità dei servizi all’ospedale di Arco è costantemente garantita. Siamo in stretto contatto con l’azienda provinciale per i servizi sanitari, fiduciosi che le misure organizzative messe in campo dalla stessa per centrare questo obiettivo sono state attentamente calibrate.”

Lo afferma l’assessore provinciale alla salute, Stefania Segnana, in merito alla riconfigurazione dei turni del medico anestesista all’ospedale di Arco; “confidiamo, aggiunge l’assessore che già da martedì prossimo questa presenza sia assicurata. L’azienda – conclude l’assessore Segnana- si sta, infatti, già adoperando per coprire i turni di notte con personale qualificato di cui la rete ospedaliera dispone. Sappiamo inoltre che sono a buon punto le procedure relative al concorso bandito

per coprire il posto di primario, segnale anche questo che testimonia la nostra massima attenzione alle esigenze di un ospedale al servizio della popolazione locale e dei numerosi turisti che frequentano l’Alto Garda.”

Emerson e Valeria invitano il pubblico di Rai 1 a viaggiare attraverso la Repubblica d’Irlanda e l’Irlanda del Nord, lungo le due strade più belle del territorio: la Wild Atlantic Way, la selvaggia strada atlantica, e la Causeway Coastal Route, che collega Derry a Belfast.

Numerosi sono i cittadini che, da ormai ben due anni – e in questo periodo sempre più -, aspettano di avere delle risposte sulla chiusura del teatro della Valle dei Laghi. Un’attesa che, nello specifico, accomuna il mondo dell’associazionismo, il coro locale e i ragazzi diversamente abili che lavoravano grazie a volontari e associazioni trentine e veronesi proprio nel teatro stesso e tutti i cittadini della comunità della Valle dei Laghi.

Dopo il mio sopralluogo, avvenuto nel mese di maggio, sono finalmente iniziati i lavori di ristrutturazione e – pare – messa in sicurezza dello spazio culturale. Da allora, sarebbe parso logico e giusto che ai cittadini interessati qualche informazione fosse data: invece, a partire dalla chiusura stessa avvenuta ben due anni or sono e appresa da un articolo di giornale, sempre e solo silenzio. Con il risultato che, ad oggi, nessuno ancora conosce con certezza le reali motivazioni di quella chiusura. Come se non bastasse, in aggiunta a detta fondamentale incognita, molti altri sono gli interrogativi insoluti.

Tanto per cominciare, se da un lato non si capisce come un teatro di recente costruzione – fiore all’occhiello della comunità e della provincia e che può contenere circa 600 persone – necessiti di interventi di simile portata, dall’altro, nonostante il teatro sia chiuso da ormai ben due anni, non si comprende come mai nessuno abbia più interpellato l’associazione Atti, referente del progetto ‘the staff’ dei ragazzi diversamente abili che si è occupata sempre dei servizi del teatro con la collaborazione dell’associazione Oasi; un aspetto, quest’ultimo, doppiamente singolare dato che sarebbe parso ovvio convocare le Associazioni Atti e Aida per un confronto costruttivo al fine di individuare le possibili soluzioni per la futura apertura del teatro. E invece nulla di tutto ciò, ripeto, è stato fatto.

Per me, che da cittadina e parte attiva della comunità della Valle dei Laghi – prima ancora che come esponente politica – seguo tutto questo da vicino, quanto riportato è assai grave, ed è anche il motivo per cui continuo a seguire vicino la vicenda del teatro. La gestione del Teatro Valle dei Laghi è stata inoltre un’importante sede per l’esperienza di inclusione sociale che Fondazione Aida attraverso l’associazione Atti ha realizzato tramite il Progetto Diversamente a teatro, che ha dato anche un’immagine più elevata al Teatro Valle dei Laghi che, così, è diventato luogo di aggregazione culturale, integrazione sociale e sperimentazione tanto da vincere, nel 2015, il Premio nazionale Speciale per la valorizzazione delle diversità.

Detto ciò, ribadisco che continuerò a seguire da vicino la questione riservandomi di effettuare tutte le necessarie verifiche su quanto avvenuto in passato, affinché il Teatro Valle dei Laghi possa tornare al più presto – e stabilmente, stavolta – a servizio della comunità e fiore all’occhiello del nostro Trentino dal punto di vista umano e culturale.

 

*

Alessia Ambrosi
Consigliere Lega Salvini Trentino

In questa estate surreale, in cui la Lega ha fatto cadere il governo in pieno agosto fregandosene del Paese e degli italiani, leggo continue fake news su futuri ruoli, incarichi, strategie. Tutte cose che non ci interessano.

Tutte assurdità veicolate ad arte da qualcuno sui giornali per nascondere la verità.

A noi interessa una sola cosa arrivati a questo punto: che il 22 agosto – quando è fissata la seduta della Camera – si voti il taglio dei parlamentari. 345 poltrone, stipendi e privilegi in meno sono l’unica cosa che ci interessa in questo momento.

Aspettiamo le forze politiche il 20 agosto in aula. Chi sfiducerà Conte lo farà per evitare che si voti il taglio dei parlamentari. Questa è la realtà.
Possiamo far risparmiare mezzo miliardo di euro agli italiani.

Il MoVimento 5 Stelle c’è e c’è sempre stato per il bene dell’Italia!

Buona giornata a tutti.

 

*

Luigi Di Maio

La Uil Fpl Sanità a nome del suo segretario Giuseppe Varagone e del coordinatore area medica dottor Gianluca Lauria Lauria ritengono grave la decisione presa dal direttore dell’Ospedale di Arco dottor Luca Fabbri, il quale ha comunicato tramite lettera la sospensione del medico anestesista / rianimatore dal turno notturno presso l’ospedale di Arco a partire da lunedì 19 Agosto.

Giuseppe Varagone e Gianluca Lauria Lauria fanno presente che già un anno fa era stato sollevato il problema di carenza dei medici anestesisti , tramite comunicato stampa e lettera inviata ai preposti dell’Apss.

Addirittura nei primi mesi del 2019 in un incontro con l’Assessore alla salute, Giuseppe Varagone aveva già fatto presente che a partire dai primi mesi di agosto su 4 medici anestesisti due sarebbero andati in pensione e ad oggi nulla è stato fatto.

Questa decisione crea molti disagi in particolare al personale Medico e Sanitario del pronto soccorso il quale sarà costretto tramite l’elisoccorso o ambulanza il trasferimento di tutti i pazienti con patologia rilevanti presso gli ospedali di Trento e Rovereto.Questo disagio si ripercuoterà anche su tutte le Unità operative del nosocomio arcense.

Giuseppe Varagone e Gianluca Lauria Lauria chiedono con urgenza un intervento da parte del Presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti, tramite i suoi preposti, per far sì che questa situazione si risolva in tempi brevi .

 

*

dottor Gianluca Lauria Lauria

Coordinatore Provinciale Area Medica Uil Fpl Sanità

 

Sabato 17 Agosto, alle 12:20 su Rai 1, la puntata di “Linea Verde Life Estate” ripercorrerà alcune delle tappe principali di un lungo viaggio, tra le città più verdi e sostenibili d’Italia.

Chiara Giallonardo e Marcello Masi lanceranno i temi di questa puntata da Bisceglie, nella provincia di BAT (Barletta, Andria e Trani).

(Pagina 1 di 3)