Mercoledì 15 gennaio 2020 alle 20.30 presso la sala della Bookique, Via Torre D’Augusto n. 29 a Trento.

L’Assemblea antirazzista è nata la scorsa estate come una risposta ampia e plurale al preoccupante clima di razzismo e odio che colpisce le persone migranti.

L’assemblea è uno spazio antirazzista, antisessista e antifascista aperto a chiunque desideri condividere riflessioni, idee, proposte per costruire insieme approfondimenti, campagne informative, pratiche di solidarietà, sportelli contro ogni discriminazione e mobilitazioni.

In questi mesi abbiamo formato dei gruppi di lavoro per favorire un’attività collettiva e di rete, promosso appelli alla solidarietà e iniziative per il diritto all’accoglienza e alla residenza dei richiedenti asilo, supportando anche tutte quelle iniziative che come noi credono sia necessario non rimanere silenti, ma attivarsi e reagire con manifestazioni e azioni solidali.

Rivolgiamo un appello: uniamoci contro il razzismo e le politiche discriminatorie di questo governo e della giunta Fugatti, contro la legge Salvini che genera insicurezza e nega diritti fondamentali alle persone migranti.

Pratichiamo solidarietà e mutualismo, rivendichiamo diritti per tutti e tutte!

Inizia a Trento il Tour 2020 EASYBASKETinCLASSE nelle scuole italiane. Palasport Gardolo 15 gennaio ore 10.00.

*

IL PROGETTO DIDATTICO

Dopo la grande partecipazione degli istituti scolastici nelle prime due edizioni, la Federazione Italiana Pallacanestro, anche per l’anno scolastico 2019-2020, torna con EASYBASKETinCLASSE, il progetto per le Scuole Primarie che ha coinvolto dal 2017 più di 11mila classi, con oltre 200mila alunni di tutta Italia. EASYBASKETinCLASSE, promosso dalla FIP e gestito dalla società veronese Neways specializzata in progetti di comunicazione, segue le linee guida dell’accordo CONI-MIUR per la promozione dello sport nella scuola come palestra di vita e prevenzione alla sedentarietà.

La terza edizione di EASYBASKETinCLASSE si sviluppa fino a giugno 2020 in 3.928 classi delle Scuole Primarie di tutta Italia, con il coinvolgimento di circa 4mila insegnanti e 80mila alunni. In provincia di Trento sono coinvolte 25 classi, 500 alunni, degli Istituti Comprensivi Trento 7 e Tione di Trento.

L’EasyBasket nasce per sostenere e rinforzare la valenza educativa del Minibasket, semplificandone alcuni aspetti e facilitando l’utilizzo delle modalità di gioco. EasyBasket significa essenzialmente facilitare il gioco, fare in modo che i bambini siano in grado di giocarlo subito e che i docenti lo possano gestire.

Anche quest’anno EASYBASKETinCLASSE ha come testimonial i volti di due campioni assoluti della pallacanestro: Giacomo Galanda, capitano della Nazionale Medaglia d’Argento 2004 e Oro ad Eurobasket 1999, e Cecilia Zandalasini, giocatrice della Nazionale italiana e del Fenerbahçe Istanbul. I personaggi di GEK e CECI non solo accompagnano gli insegnanti e gli alunni in questo fantastico percorso sportivo nelle scuole e palestre italiane, costituendo due esempi concreti di chi lo sport lo vive e lo ha vissuto ai massimi livelli, ma diventano anche ispirazione per tanti giovanissimi che si vogliono avvicinare al mondo dello sport e ai suoi valori.

Durante l’anno scolastico le scuole aderenti utilizzano le schede didattiche, realizzate dallo staff tecnico Minibasket e Scuola FIP e le video lezioni pubblicate sul sito www.easybasketinclasse.it, insieme ai saluti di molti Campioni e Campionesse della Nazionale.

EASYBASKETinCLASSE quest’anno è anche un Contest Social. Gli alunni, con il supporto degli insegnanti, potranno realizzare il video “Come giochiamo a EASYBASKETinCLASSE”, che rappresenti situazioni di gioco o momenti divertenti di attività motoria a scuola. Le famiglie e tutti gli appassionati di basket, fino al 30 marzo, potranno cliccare MI PIACE sui video pubblicati su Facebook con l’hashtag #contesteasysbasketinclasse e il tag @easybasketinclasse. La classe vincitrice si aggiudicherà 10 LEZIONI GRATUITE EASYBASKET a scuola con un tecnico federale FIP.

Il progetto prevede anche la partecipazione attiva dei Comitati Regionali FIP e la realizzazione di ben 11 INCONTRI NAZIONALI. Grazie al pieno coinvolgimento delle realtà istituzionali, scolastiche e sportive del territorio, gli incontri si trasformano in eccezionali Giornate di Festa dello Sport.
Nelle precedenti edizioni, centinaia di bambini hanno giocato con grande entusiasmo a EasyBasket con il campione Giacomo Gek Galanda e con Maurizio Cremonini a Verona, Prato, Matera, Domodossola (VB), Cannara (PG), Riccò del Golfo (SP), Ancona, Selargius (CA) e Sala Consilina (SA).

L’INCONTRO DI TRENTO

Nel 2020 il tour EASYBASKETinCLASSE parte proprio da Trento presso il Palasport Gardolo, mercoledì 15 gennaio, alle ore 10.00, con la partecipazione degli insegnanti e di più di 200 alunni della Scuola Primaria Pigarelli, del Dirigente Scolastico dell’I.C. Trento 7 Paolo Andrea Buzzelli, dell’insegnante referente Gianna Antonelli, dell’Assessore allo Sport del Comune di Trento Tiziano Uez, del Presidente Provinciale Coni Paola Mora, del Presidente FIP Trento Mauro Pederzolli.
Le lezioni di EasyBasket sul campo saranno a cura di Maurizio Cremonini, responsabile tecnico Settore Minibasket e Scuola FIP, esperto di fama internazionale, supportato dallo staff Fip Trento, dal Coordinatore tecnico regionale Arben Baftiri e dalla società Basket Club Gardolo 2000 ASD.

Testimonial d’eccezione per il primo incontro è la campionessa nazionale KATHRIN RESS.
Kathrin Ress (Salorno, 26 giugno 1985) è la sorella del cestista Tomas Ress.
Con la maglia della Nazionale ha giocato i Campionati Europei nel 2007 (Chieti), 2009 (Lettonia), 2013 (Francia), 2015 (Romania) e 2017 (Repubblica Ceca).
Con l’Under 20 ha giocato gli Europei 2003, 2004 e 2005, con l’Under 18 l’Europeo 2002 in Slovenia e con l’Under 16 quello del 2001 in Bulgaria.
Ha iniziato a giocare a Parma nel 1996, dal 1999 è passata a Schio. Ha giocato negli Stati Uniti nella High School di Mount de Chantal nel 2002-03 e dal 2003 si è trasferita a Boston College (al primo anno vittoria della Big East Conference e accesso alla Sweet Sixteen).
Al Draft WNBA 2007 è stata scelta col numero 24 dalle Minnesota Lynx, con cui ha giocato 28 partite (3 punti e 2.5 rimbalzi di media).
Per tre anni è tornata a Schio, con cui ha vinto scudetto (2008), Coppa Italia (2010) ed EuroCup (2008). Dopo un anno a Gran Canaria, ha giocato a Faenza e Lucca. Dal 2013 è tornata nuovamente a Schio ed ha vinto 5 scudetti e 5 edizioni della Coppa Italia. Nel 2018 è a Napoli, poi è passata a Bolzano in A2. La scorsa estate si è ritirata.
Da settembre 2019 è entrata a far parte dello staff della Nazionale Femminile come assistente di Andrea Capobianco.

I media possono accreditarsi all’incontro del 15 gennaio entro le ore 14.00 di lunedì 13 gennaio all’indirizzo email ufficiostampa@neways.it. I successivi incontri si svolgeranno a Priverno (LT), Brindisi, Messina, Parma, Termoli (CB), Pescara, Spilimbergo (PN), Cremona, Aosta, Catanzaro.

NEWAYS Srl Federazione Italiana Pallacanestro

 

 

6_Locandina A3

Dolomiti Energia Trentino, l’assistant coach Lele Molin alla vigilia del match con il Partizan: «Sfida stimolante e durissima».

I bianconeri domani sera (ore 19.00) affrontano il Partizan NIS Belgrado nel big match di 7DAYS EuroCup: biglietti disponibili su aquilabasket.vivaticket.it e all’Aquila Basket Store di piazzetta Lunelli.

Dolomiti Energia Trentino (0-1) vs. Partizan NIS Belgrade (1-0)
Round 2 Top16, 7DAYS EuroCup | BLM Group Arena | mer 15.01 | h 19.00 | Eurosport Player
Biglietti disponibili online a questo link o all’Aquila Basket Store!
Game Notes (.pdf) | Kinesi Injury Report

Non vuoi perderti nemmeno un appuntamento della Dolomiti Energia Trentino? Sincronizza il tuo calendario per rimanere sempre aggiornato su date e orari delle partite!
LELE MOLIN (Assistant Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Domani sera affrontiamo una squadra di grande spessore europeo, ambiziosa e di alto livello: noi forse abbiamo un profilo tecnico diverso, ma siamo sempre alla ricerca di occasioni per misurarci in dimensioni nuove e qualificanti e questa è una prova in cui siamo chiamati a mostrare e verificare i nostri miglioramenti.

Il Partizan ha un roster importante, una struttura per provare ad arrivare in fondo alla competizione e vincerla, un allenatore come Trinchieri ormai affermato e consolidato in ambito europeo: il Partizan ha un’identità vincente e ben definita figlia del lavoro del suo coach, e questo credo sia il miglior complimento che possa fargli. Per quanto riguarda noi, la squadra in queste settimane sta assumendo un suo equilibrio, ci sono stati segnali confortanti per il modo in cui stiamo in campo e viviamo la partita. C’è maggiore consapevolezza di quanto l’impegno e la qualità dei singoli siano importanti nel contribuire per il bene della squadra: abbiamo ancora margini di miglioramento e stiamo lavorando giorno dopo giorno per alzare il livello delle nostre performance e avere continuità di rendimento per 40’ anche giocando due partite a settimana».

Il settimanale Chi pubblica, nel numero in edicola da mercoledì 15 gennaio le prime immagini di Eleonora Daniele in dolce attesa. La conduttrice aspetta una bambina che nascerà in estate. «Si chiamerà Carlotta», ha annunciato Eleonora, che si è sposata lo scorso settembre, con l’imprenditore Giulio Tassoni.

Riparte “Smart&Start Italia”. Da lunedì 20 gennaio potranno essere presentate, esclusivamente per via telematica, le domande per chiedere le agevolazioni alle Start up innovative secondo le modifiche apportate dal Decreto Crescita a questo regime di aiuti. Lo rende noto CNA Trentino Alto Adige, che precisa: “Sarà importante non perdere l’attimo: le agevolazioni verranno concesse in base all’ordine cronologico di arrivo delle istanze”. CNA regionale mette a disposizione il Digital Innovation Hub Nordest di Padova.

I cambiamenti introdotti dal Decreto Crescita riguardano la semplificazione dei criteri di valutazione e di rendicontazione, il rafforzamento delle agevolazioni e l’introduzione di nuove premialità, in particolare nei confronti delle imprese meridionali, femminili e giovanili. Nello specifico, il finanziamento agevolato è concesso in misura pari all’80 per cento delle spese ammissibili (dal 70 per cento cui ammontava) e con un periodo di ammortamento decennale, mentre il precedente era di otto anni.

Per le Start up già attive nelle regioni settentrionali che sono intenzionate e realizzare piani d’impresa nel Mezzogiorno sono stati previsti nuovi criteri premiali. Per le Start up localizzate nel Sud la quota di agevolazioni a fondo perduto è salita dal 20 al 30 per cento. Per le imprese costituite da sole donne (con meno di 36 anni o con un socio ricercatore nella compagine) il finanziamento agevolato viene condotto fino al 90 per cento delle spesse ammissibili, segnando un incremento del 10 per cento rispetto alle disposizioni abrogate.

Fra le nuove premialità sono state inserite quelle legate alla collaborazione con organismi di ricerca e con i Digital Innovation Hub.

“Smart&Start Italia” è una misura riservata alle Start up innovative di piccole dimensioni localizzate su tutto il territorio nazionale, iscritte nella sezione speciale del Registro imprese e costituite da non oltre cinque anni al momento in cui viene presentata la domanda. Alle agevolazioni possono essere ammessi i piani d’impresa, dall’importo compreso tra 100mila euro e 1,5 milioni, finalizzati alla produzione di beni e all’erogazione di servizi. Tali piani devono presentare almeno una delle seguenti caratteristiche: 1) significativo contenuto tecnologico e innovativo; 2) sviluppo di prodotti, servizi e soluzioni nel campo dell’economia digitale (oppure dell’intelligenza artificiale, della blockchain o dell’Internet delle cose); 3) valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Sicurezza stradale, Fsp Polizia: “Indispensabile potenziare e ammodernare la Polstrada, non c’è protocollo o accordo che risolverà i veri problemi”.

“Pensare di affrontare la questione della sicurezza e del controllo stradale con interventi che non vadano nel senso del potenziamento e dell’ammodernamento della Polstrada è quantomeno riduttivo. Né l’idea di coinvolgere maggiormente le polizie locali sul tema può prescindere da una riorganizzazione generale che parta dalla formazione e dalla dotazione di strumenti idonei di tutti i soggetti coinvolti. Chiediamo un impegno massiccio in tal senso perché la drammatica carenza di assegnazioni a questa specialità della Polizia di Stato, e la mancanza di strumentazioni moderne e più efficienti ha messo anche questo settore in grandissimo affanno”.

Così Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia, a proposito dell’accordo quadro stipulato tra il ministero dell’Interno e l’Anci per un maggiore impegno delle polizie locali nei servizi di prevenzione stradale e di infortunistica nelle città. Un tema sul quale anche l’Asaps oggi è intervenuta chiedendo al ministro Lamorgese chiedendo di restituire alla Polstrada un ruolo di primo piano.

“Puntare sulla collaborazione con le polizie locali, peraltro già esistente – insiste Mazzetti -, non consente di affrontare questioni che, non a caso, hanno da sempre richiesto l’impegno della Polizia di Stato in questo delicato settore. Ma anche questa specialità ha subito purtroppo gli effetti nefasti di promesse economiche mai mantenute con i poliziotti, e poi di tagli e ridimensionamenti che la sicurezza dei cittadini non può permettersi. Da anni denunciamo la mancanza di assegnazioni alla Polstrada, di una maggiore formazione professionale, di un idoneo parco mezzi, di moderni e adeguati materiali di servizio e strumentazioni per le rilevazioni.

I poliziotti lavorano instancabilmente sulle strade, dove peraltro da sempre versano il più elevato tributo di sangue allo Stato, ma a volte con etilometri che hanno più di venti anni e che, oltre tutto, ci capita di dover mettere a disposizione delle polizie locali dei centri più piccoli che non ne sono dotate, e che comunque la notte non coprono i territori. Anche la viabilità ordinaria urbana necessita di nostri interventi e non è raro che persino in quel contesto dobbiamo fare i salti mortali per avere una pattuglia quando serve. Il discorso resta sempre lo stesso: la coperta è corta ma i poliziotti ci devono essere, sopprimere o ridimensionare le sezioni Polstrada è un errore gravissimo, è indispensabile potenziarle”.

Questa sera, martedì 14 gennaio, alle 21.20 su Rai3, nuovo appuntamento con #cartabianca. Ospiti di Bianca Berlinguer, Luigi Di Maio, ministro degli Esteri e leader del M5s; Lucia Borgonzoni, Lega e candidata alle Regionali in Emilia Romagna; Laura Boldrini, Pd; Matteo Richetti, Azione; Massimo Giannini, direttore di Radio Capital; Maurizio Belpietro, direttore de La Verità e Panorama; Jasmine Cristallo, esponente del Movimento delle Sardine.

E come sempre, il commento dei fatti della settimana con lo scrittore Mauro Corona.

Nel pomeriggio odierno, rientra in Italia la donna 47enne di origini sarde, tenuta sequestrata per circa 2 mesi in un villaggio marocchino a pochi chilometri da Marrakesh. Grazie all’attività del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) e la stretta collaborazione col Ministero degli Esteri tramite l’Ambasciata italiana a Rabat i suoi familiari la riabbracceranno oggi in Sardegna. Saranno poi verificate le sue condizioni fisiche, che hanno destato preoccupazione al momento della sua liberazione.

Inoltre lo SCIP e le questure di Torino e Sassari stanno cercando di ricostruire alcuni lati della vicenda, non escludendo alcuna pista, soprattutto se altre donne italiane, con la promessa di guadagni facili, abbiano o stiano per contrarre matrimoni di convenienza con cittadini stranieri per consentire loro di accaparrarsi permessi di soggiorno comunitari.

Egregio direttore la prego di prendere in considerazione questa mia breve replica a tal Rigotti, che non conosco, e che si firma per conto di Agire.

Egregio signor Rigotti, solo pochi giorni fa il suo collega Binelli mi ha contattato manifestando la sua stima per il coraggio e la coerenza tenuta con, peraltro, l’interesse espresso chiaramente per la realtà che stiamo creando.

Pertanto sembra veramente un autogol il suo attacco che fa pensare a visioni totalmente diverse in seno al suo partito.

Sorvolo sui giudici personali in merito alle mie emozioni legate alla scelta fatta ma trovo curioso che mi si definisca ortodosso quando non lo sono mai stato e proprio per questo messo spesso ai margini del movimento.

Davvero fatico a replicare ad un attacco cosi immotivato e misero di contenuti. Mi viene solo da pensare che stiamo spaventando parecchio se la prima reazione è un tentativo di screditare chi fino ad oggi ha lavorato e cercato di dare il massimo.

Caro signor Rigotti siamo a disposizione per confrontarci sui contenuti tutto il resto è fuffa.

 

*
Andrea Maschio
Capogruppo Onda Civica Trentino Trento

Il paradiso delle signore. St 4 Ep 61. Silvia confessa a Luciano di aver detto a Roberta la verità su Federico. Marta è sconvolta dopo la perdita del bambino ma Vittorio cerca di rassicurarla con il suo amore e, circondata anche dall’affetto di Riccardo e dalle…

 

LINK VIDEO

(Pagina 1 di 3)