PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (12ma puntata format Tv)

Tunnel: procedono i lavori a San Lorenzo, Castelbello e nel BBT. BBT al 50%, 300 metri scavati nel tunnel di Castelbello, 42 in quello per la Val Badia. In occasione della festa di Santa Barbara, bilancio sui lavori dell’assessore Alfreider.

Si festeggia oggi (4 dicembre) Santa Barbara, patrona non solo dei vigili del fuoco, ma anche di minatori, architetti, muratori e geologi. L’assessore Daniel Alfreider ha partecipato alle celebrazioni che si sono svolte presso il cantiere di San Lorenzo di Sebato della nuova strada di accesso alla Val Badia. “Proprio nelle ultime settimane – ha spiegato Alfreider – con le emergenze provocate dal maltempo, ci siamo potuti rendere conto di quanto importante sia il lavoro di chi opera nei cantieri stradali: dai tecnici agli ingegnieri, dai progettisti agli operai”. Per quanto riguarda la galleria lunga 900 metri nei pressi del bacino artificiale del Kniepass, i lavori realizzati dell’associazione d’impresa Strabag, Alpenbau, Moser & CO. e Geobau proseguono senza sosta, e nelle prossime settimane verrà aperto tramite brillamento il portale dal lato della Val Badia.

“Nel progetto – ha sottolineato il direttore dell’Ufficio tecnico strade nord-est, Umberto Simone – viene data grande importanza alla sicurezza di tutta l’area, in maniera particolare per quanto riguarda gli accessi al tunnel e il sovrappasso ferroviario”.

“Il futuro imbocco diretto della strada della val Badia nella statale della Pusteria – ha aggiunto il sindaco di San Lorenzo di Sebato, Martin Ausserdofer – va a risolvere non solo la questione di Floronzo, bensì produce minor traffico di transito per il centro abitato e mette in sicurezza tutta l’area circostante il Kniepass”. La caratteristica principale del nuovo accesso sarà uno svincolo senza incroci che permetterà flussi di traffico più fluidi e sicuri. La strada d’accesso alla Val Badia sarà in posizione ribassata nel terreno e attraverserà con un ponte lungo 140 metri il bacino artificiale della Rienza per poi passare sopra la linea ferroviaria della Pusteria nel cosiddetto Klosterwald, ed immettersi nella galleria per la Val Badia.

Dall’altra parte dell’Alto Adige, Santa Barbara è stata festeggiata anche presso il cantiere della nuova circonvallazione di Castelbello. L’opera, lunga 3,36 km., prevede una galleria di quasi due chilometri e mezzo i cui primi 300 metri sono già stati scavati. Attualmente sono in corso i lavori preparatori presso il portale est, “che proseguono – precisa Alfreider – nonostante le attuali condizioni sfavorevoli dal punto di vista geologico”. Dal punto di vista tecnico, gli interventi stanno necessitando dell’utilizzo di mezzi pesanti, ma tra poche centinaia di metri la minor durezza della roccia consentirà anche l’utilizzo più intenso di materiale esplosivo. I costi per la realizzazione dell’opera ammontano a circa 75 milioni di euro.

“Nei giorni scorsi – aggiunge infine l’assessore Daniel Alfreider – i lavori di scavo del tunnel di base del Brennero hanno raggiunto la metà, ovvero quota 115 dei previsti 230 km. Un riultato che è stato possibile raggiungere grazie all’impegno dei vertici della BBT SE, dei presidenti di Alto Adige e Tirolo, nonchè delle istituzioni competenti a Roma, Vienna e Bruxelles”. Attualmente, per la realizzazione di uno dei progetti infrastrutturali più grandi di tutta Europa, cuore del corridoio TEN che collega Nord e Sud del Continente, lavorano circa 1.900 persone con l’aiuto di macchinari e tecniche di ultima generazione. Il sostegno europeo al progetto si aggira tra il 40% e il 50% dei costi totali. “Con la realizzazione del tunnel di base – commenta Alfreider – saremo finalmente in grado di sgravare l’asse del Brennero da un traffico di transito in continuo aumento, trasferendo sempre più da gomma a rotaia, e di migliorare la raggiungibilità dell’Alto Adige”.