News immediate,
non mediate!

PROVINCIA AUTONOMA BOLZANO * COVID: « PROBABILMENTE DALLA PROSSIMA SETTIMANA L’ALTO ADIGE VERRÀ CLASSIFICATO COME ZONA GIALLA, IL PRESIDENTE KOMPATSCHER FIRMERÀ OGGI UNA NUOVA ORDINANZA »

Scritto da
17:02 - 30/11/2021

Coronavirus: l’Alto Adige amplia l’offerta vaccinale. Probabilmente dalla prossima settimana l’Alto Adige verrà classificato come zona gialla. Il presidente Kompatscher firmerà oggi una nuova Ordinanza.

La scorsa settimana il Governo ha deciso regole anti Covid più severe al fine di contenere la quarta ondata della pandemia e poter mantenere le attività sociali ed economiche nella massima sicurezza possibile. Queste regole saranno valide anche in Alto Adige in futuro. “Il regolamento del ‘Super Green Pass’ e della zona gialla si applicherà anche in Alto Adige dal 6 dicembre”, ha affermato il presidente Arno Kompatscher durante la conferenza stampa di oggi (30 novembre) dopo la riunione della Giunta. La relativa Ordinanza è ancora in fase di elaborazione. Allo stesso tempo Kompatscher ha ricordato che in Alto Adige sono già in atto alcune delle modifiche significative che caratterizzano il passaggio alla zona gialla, tra le quali l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto o il numero ridotto di posti nei ristoranti.

Nell’introduzione l’assessore alla salute, Thomas Widmann, ha fornito una panoramica dell’attuale situazione della pandemia in Alto Adige ed ha sottolineato “È positivo il forte afflusso ai centri vaccinali: sinora sono già state effettuate circa 41.000 vaccinazioni di richiamo (booster)”. La settimana scorsa sono state vaccinate un totale di 17.000 persone, grazie a un aumento della capacità vaccinale questa settimana e nelle prossime circa 25.000 persone dovrebbero essere vaccinate. L’assessore Widmann ha anche annunciato che presenterà ulteriori dettagli sull’intensificazione della campagna vaccinale nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà giovedì 2 dicembre. L’obiettivo primario, secondo l’assessore, è sempre quello di ridurre il carico di lavoro per gli ospedali.

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.