VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * DANA ARCO (TN) – VISITA ASSESSORE SPINELLI: « NUOVO ACCORDO NEGOZIALE CON LA PAT, FINANZIATE LE FASI 2 E 3 DEL PROGETTO “SMART MECHATRONICS DRIVELINE ” »

Circa 800 dipendenti in Trentino ed un centro di ricerca a Rovereto. L’assessore Spinelli in visita alla Dana di Arco.

“Un’azienda strategica per il Trentino, che interagisce con il territorio in termini di filiera, capace di dare risposte importanti sia sul fronte dell’occupazione, che su quello della ricerca e dell’innovazione tecnologica”. Così l’assessore provinciale allo sviluppo economico, Achille Spinelli che oggi ha visitato la Dana di Arco, multinazionale americana con 9 miliardi di dollari di fatturato, leader nel settore dei sistemi di trasmissione per veicoli, presente in Trentino con due stabilimenti, oltre a quello arcense anche a Rovereto e con un centro di ricerca presso il Polo della Meccatronica nella Città della Quercia.

Al centro dell’incontro, a cui ha partecipato il management, tutto trentino, dell’impresa, guidato dall’amministratore delegato l’ingegner Rino Tarolli, le prospettive di sviluppo e la sottoscrizione di un nuovo accordo negoziale con la Provincia, per finanziare la fase 2 e 3 del progetto di ricerca Smart Mechatronics Driveline, con l’impegno di Dana, che porta all’erario, solo in Trentino, circa 27 milioni di imposte, a consolidare l’attuale numero di dipendenti, oltre 800, presenti nei due stabilimenti di Arco e Rovereto, a rafforzare i livelli di indotto e le attività di formazione. Su quest’ultimo punto si è ravvisata la necessità di collaborare con il mondo della scuola e dell’università al fine di trovare una soluzione alla carenza di manodopera specializzata. “Dobbiamo operare – ha detto al riguardo l’assessore Spinelli – al fine di creare le condizioni di contesto dove far lavorare bene ed in maniera coordinata la scuola e l’industria”.

Fra i temi trattati anche quello degli spazi e della viabilità per lo stabilimento di Arco, con un progetto di allargamento che dovrà essere discusso con il Comune e la Provincia.