Coronavirus, continuano i controlli. Anche nella giornata del 30 marzo 2020 sono proseguite le attività di controllo della Polizia Locale di Trento – Monte Bondone sul rispetto delle disposizioni contenute nel DPCM 11 marzo 2020 e successive modifiche, finalizzate al contenimento della diffusione dell’epidemia da coronavirus.

Sono state controllate 144 persone con la compilazione di altrettante autocertificazioni su modello ministeriale e sanzionate 13 persone, in quanto non ottemperavano alle disposizioni impartite dal DPCM. Sono state effettuate verifiche anche su 38 esercizi pubblici, senza elevare alcuna violazione.

La maggior parte delle persone controllate e sanzionate andavano ad effettuare la spesa nel negozio del sobborgo vicino invece che effettuare acquisti in quello più vicino alla propria abitazione.

Nel pomeriggio personale del Nucleo Civico della Polizia Locale di Trento – Monte Bondone procedeva ad effettuare un controllo su tre cittadini italiani di origine nordafricana. Questi viaggiavano in gruppo su un mezzo di trasporto pubblico in un orario difficilmente compatibile con le motivazioni legate ad impegni lavorativi o altri stati di necessità che consentano gli spostamenti. All’atto del controllo emergeva che uno era residente nel Comune di Trento, due in altri comuni nemmeno confinanti con quello del capoluogo e dopo aver tentato di addurre delle scuse fantasiose non erano in grado di giustificare la loro presenza.

A due di loro, appena maggiorenni veniva contestata la violazioni delle prescrizioni del D.P.C.M. 08/03/2020, mentre per il terzo, minorenne, la violazione amministrativa verrà contestata al genitore. Quest’ultimo dichiarava di essere appena tornato dal lavoro, ma da una verifica effettuata telefonicamente emergeva che nella giornata del 30/03/2020 non si era recato presso la cooperativa di cui è dipendente.

Gli agenti operanti decidevano di approfondire il controllo e nel corso di un’ispezione personale rinvenivano una decina di grammi di sostanza stupefacente, nella fattispecie marijuana. Il giovane, oltre alla violazione amministrativa per essere in un Comune diverso da quello della residenza abituale, verrà segnalato all’Autorità Giudiziaria sia per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio che per aver prodotto una falsa autocertificazione. Al termine dell’attività il minore veniva riaccompagnato presso la propria abitazione e consegnato ai genitori.

I controlli continueranno nei prossimi giorni sia per la verifica del transito veicolare, sia per gli spostamenti pedonali ed in bicicletta, che si ricorda devono essere motivati da ragioni di lavoro, salute o necessità e che se effettuati come attività motoria devono limitarsi a brevi periodi in prossimità della residenza o del domicilio.

 

*

Gratuità dei bagni pubblici di piazza Dante
La Giunta comunale di ieri ha stabilito la gratuità dei bagni pubblici di Piazza Dante (aperti tutti i giorni dalle 9 alle 19) sino al prossimo 31 luglio 2020, salvo provvedimenti delle Autorità che dispongano un diverso termine di conclusione dello stato di emergenza.

 

*

Ufficio relazioni con il pubblico
Cala ma non di tanto il numero di contatti quotidiani che ha l’Ufficio relazioni con il pubblico: ieri 142 tra telefonate e mail. Le domande riguardano principalmente gli aiuti alla spesa alimentare.

L’URP è il riferimento unico per le domande dei cittadini all’Amministrazione comunale. L’ufficio risponde dalle 8 alle 20 dal lunedì al venerdì via mail o telefono (tel. 0461-884453, 0461-884005 – n° verde 800-017615 – comurp@comune.trento.it). Il sito dell’Amministrazione comunale ha una pagina dedicata a tutti gli aggiornamenti.