VIDEONEWS & sponsored

(in )

RTL 102.5 * DURAN DURAN: SIMON LE BON, « IL VIDEO DI “ INVISIBILE “ REALIZZATO CON IL SUPPORTO DELL’ INTELLIGENZA ARTIFICIALE »

Questo pomeriggio Simon Le Bon, leader dei DURAN DURAN, è stato ospite in diretta in radiovisione su RTL 102.5 in collegamento dall’Inghilterra. Il cantante della band leggenda del pop, pluripremiata e acclamata a livello internazionale, ha presentato il nuovo album ‘FUTURE PAST’, che verrà pubblicato il prossimo 22 ottobre e che vanta tra i produttori, Erol Alkan, Giorgio Moroder e Mark Ronson. L’album è anticipato dal primo singolo ‘INVISIBLE’ disponibile dal 18 maggio sulle piattaforme digitali e da oggi in tutte le radio.

Intervista

*

Il nuovo singolo Invisible

Parlando di ‘Invisible’, singolo che anticipa ‘Future Past’ , il leader dei Duran Duran Simon Le Bon ha raccontato ad RTL 10.25 l’idea dietro i versi della canzone e l’utilizzo fatto dell’Intelligenza Artificiale per girare il video.

“E’ iniziata come una storia personale” – spiega Simon Le Bon su Invisible – “C’era l’intenzione di raccontare una persona in una relazione di coppia che si sente ignorata dal partner e poi l’idea si è sviluppata. Questa persona inizia a credere che forse è ignorata da tutto il mondo, poi pensa che forse fa parte di un enorme gruppo di persone che viene ignorata dal resto del mondo. Questa folla, però, è determinata ad avere una voce ed è per questo che c’è il verso che dice but a voiceless crowd isn’t backing down”.

A proposito del video per il nuovo singolo ‘Invisible’ realizzato con il supporto dell’ Intelligenza Artificiale, il cantante dei Duran Duran aggiunge: “Abbiamo utilizzato un bot con Intelligenza Artificiale chiamato Huxley, creato dal team Nested Minds che è programmato per ragionare come una mente umana.

Gli fornisci la musica, i versi, le immagini e lui mette tutto insieme e crea quello che è il suo sogno, la sua visione, è qualcosa di incredibile. Il risultato non è editato da un essere umano, fa tutto la macchina. E’ come mettere gli ingredienti in un frullatore che ti sforna una torta pronta perché sa come prepararla”.

 

*

Il nuovo album Future Past

Il nuovo album dei Duran Duran “Future Past” uscirà il prossimo ottobre e Simon Le Bon spiega così il significato del titolo ai microfoni di RTL 102.5: “L’idea è che ogni momento del presente sia qualcosa che nel futuro sarà passato. Ogni momento che vivi, ogni piccolo momento dell’esistenza è sempre ‘futuro passato’”.
Per lavorare al disco i Duran Duran hanno chiamato numerosi collaboratori, incluso un po’ di Italia grazie a Giorgio Moroder:
“Sul disco c’è Mark Ronson, Erol Alkan, Lykke Li, Mike Garson che ha suonato con Bowie e il chitarrista dei Blur, Graham Coxon che è stato davvero fantastico” – dice Simon – E’ uno dei chitarristi più creativi che abbia mai incontrato in tutta la mia vita. Ci abbiamo lavorato a lungo e l’anno di pandemia, in qualche modo, ci ha dato la possibilità di allontanarci dal disco e poi renderlo migliore.

E su Moroder aggiunge: “Giorgio è davvero cool. Ha sempre tutto sotto controllo e quando è venuto in studio, a differenza del solito, non ci siamo messi a discutere tra di noi e ci siamo comportati benissimo. Con lui nella stanza siamo stati buoni e abbiamo lasciato che prendesse il comando, abbiamo fatto tutto quello che ci diceva di fare ed è andata benissimo”.

 

*

Una band sempre attuale

Pur confermando che i Duran Duran sono ancora dei ‘Wild Boys’, il prossimo mese saranno 40 anni dal primo album, un traguardo che la band festeggerà semplicemente con l’essere ancora qui a parlare di un nuovo disco:” Penso che saremo a promuovere il nuovo album da qualche parte e quello per noi sarà il modo giusto per celebrarlo”.
Parlando delle differenze tra registrare un album negli anni ’80 e farlo ora Simon Le Bon aggiunge: “Il modo di lavorare ad un disco rispetto al passato è cambiato grazie alla tecnologia. Prima ci trovavamo a scrivere mentre eravamo in tour, nei locali, nelle sale prove e poi andavamo in studio con un sacco di materiale già scritto. Ora la scrittura e la registrazione fanno parte dello stesso processo e viene fatto tutto in studio”.

In questi 40 anni cui i Duran Duran hanno sempre cercato di essere una band sempre attuale e hanno confermato la loro attitudine anche con il nuovo album: ”Siamo cresciuti con artisti come David Bowie e lui ha cambiato il suo stile in ogni disco. Per noi era la cosa normale da fare, volevamo esplorare la musica, sperimentare e per noi è fantastico provare cose nuove – conclude Simon Le Bon – per questo è fantastico lavorare con artisti così diversi tra loro, perché ti portano in diverse direzioni. Io stesso ascolto un sacco di musica nuova e so che Invisible è assolutamente adatta a stare tra le nuove canzoni”.