WWF TRENTINO * MALTEMPO: ” LANCIAMO UN APPELLO AL COMITATO FAUNISTICO VOLTO ALL’IMMEDIATA SOSPENSIONE DI QUALSIASI ATTIVITÀ VENATORIA, FINO A DATA DA DESTINARSI “

Fragilità rilevata. Appello per la salvaguardia dei territori e la chiusura dell’attività venatoria.In queste ore drammatiche, il pensiero non può che andare a chi, rischiando spesso la vita, fa in modo che il disastro abbattutosi sulla nostra regione non si trasformi in catastrofe. Alla protezione civile, ai vigili del fuoco, ma anche alle famiglie colpite dalla tragedia, vanno ora i nostri pensieri.

 

Tuttavia, un tale momento non può che imporre anche altre considerazioni: ci si chiede in particolare quanta acqua, quante frane, quante vite ancora serviranno, prima che sia chiaro quanto sia necessario puntare sulla prevenzione; sulla protezione; su un cambiamento culturale che prende atto di quanto le conseguenze dei cambiamenti climatici -da noi provocati- metteranno sempre più a nudo tutte le nostre debolezze.

Possiamo agire fin da subito nella direzione della protezione, in particolare della fauna selvatica duramente colpita dagli immani schianti (indagini preliminari parlano di un 25% di patrimonio forestale perduto): per questo, a tutela di quanto rimane, lanciamo un accorato appello al Comitato Faunistico volto all’immediata sospensione di qualsiasi attività venatoria, fino a data da destinarsi.

I cacciatori sono in questo momento chiamati come tutti a scegliere, tra lungimiranza e miopia: contiamo che la cultura della quale il Trentino si fregia possa essere da guida verso una scelta che appare inevitabile, sempre che la Caccia miri ancora definirsi protettrice del patrimonio faunistico, piuttosto che sua rapinatrice e sfruttatrice.