VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

VARDON INANT * REPLICA AL VICE-COMANDANTE VVF DI MAZZIN: « LA MINORANZA NON HA MAI CRITICATO L’OPERATO DEL CORPO, MA LA FEDERAZIONE PROVINCIALE CHE RISPETTA SOLO CIÒ CHE LE CONVIENE »

In risposta alla lettera pubblica del vice-comandante dei VVF di Mazzin. Siamo alle solite, ogni volta che la minoranza “Vardon Inant” si oppone al Comandante-Sindaco di Mazzin si parla di “questione personale”, è accaduto lo stesso anche quando abbiamo chiesto una “panchina rossa” nel comune, che ci è stata rifiutata proponendo una “conferenza” che, a tutt’oggi, dopo mesi e mesi, ancora non abbiamo visto…

Ricordiamo che un sindaco è una carica politica che prende un impegno coi suoi cittadini e che deve rispettare le leggi, che gli piacciano o meno, dando “il buon esempio” agli altri e tutto quello che riguarda il suo lavoro non è una questione personale, ma una questione politica.

Ci fa piacere che il vicecomandante dei VVF, a essere precisi figlio del Bernand che è nel Consiglio comunale, quindi una persona super-partes, ammetta che Castelnuovo non lascia il posto solo per una questione politica, dicendo “Nessuna normativa impedisce di sedere contemporaneamente su due poltrone che, soprattutto in una piccola realtà territoriale, si traducono in prestigio e potere.” Anche se è davvero un po’ contraddittorio poi accusare la minoranza di avercela col sindaco per una questione personale, ma lodiamo lo spirito di squadra del prossimo comandante alla scadenza del mandato di Castelnuovo.

Che strano però che il Corpo dei VVF di Campitello, il comune a fianco di Mazzin, si sia “correttamente” adeguato alla normativa, fino a prova contraria il territorio fassano è lo stesso.

Sgomberiamo anche il campo da ogni falsa dichiarazione riguardo i vigili del fuoco, la Minoranza non ha mai criticato l’operato del Corpo, ma il suo essere un organismo locale che fa parte di una Federazione provinciale che rispetta solo quello che gli conviene.

Ci chiediamo perché non diventano Vigili del Fuoco “autonomi” volontari di Mazzin? Ed è per questo che la minoranza non può approvare il bilancio dei VVF da anni e ci piace ricordare la scenetta, visibile su youtube, della mancanza del numero legale per l’approvazione dell’ultimo bilancio e l’allarmata telefonata dell’ultimo minuto per recuperare chi era assente per procedere…

Comunque ci chiediamo:

1. È coerente un politico che, quando cade il governo, mantiene la sua poltrona di ministro perché qualcuno gli dice che ha fatto un buon lavoro? Un comandante che deve dimettersi può rimanere “fisso” sulla sua poltrona perché i suoi gli dicono che ha fatto un buon lavoro?

2. È coerente un politico che non si adegua ad un codice etico? Forse è bene ricordare che il codice etico fornisce “specificazioni degli obblighi generali di diligenza, lealtà, correttezza”, e che se esiste è perché ce ne è bisogno anche per evitare “eccesso di potere”. E la doppia carica sindaco-comandante non è un eccesso di potere e prestigio?

Come minoranza ci siamo già risposti ed abbiamo agito di conseguenza, lasciamo che anche i lettori ed elettori rispondano a queste due semplici domande.

A cui, presto, ne aggiungeremo un’altra sulla “coerenza” dei rimborsi richiesti al Comune quando si va in tribunale per incombenze non istituzionali, ma personali…

 

*
Vardon Inant
Mazin-Campestrin-Fontanac