News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

SOLE 24 ORE * GREEN PASS E SMART WORKING: « COME CAMBIA IL MONDO DEL LAVORO DAL 15 OTTOBRE, IN EDICOLA LE REGOLE PER IMPRESE E LAVORATORI »

Scritto da
17.02 - mercoledì 29 settembre 2021

Green pass e smart working: Come cambia il mondo del lavoro dal 15 ottobre. In edicola con Il Sole 24 Ore il focus di sedici pagine con le regole per imprese e lavoratori

Dal 15 ottobre e, per ora, fino al 31 dicembre entrare nei luoghi di lavoro senza la certificazione verde Covid-19, salvo casi eccezionali, non sarà più possibile. A stabilirlo è il decreto green pass (Dl 127/2021), che non riguarda solo i dipendenti pubblici e privati, ma anche autonomi, professionisti e magistrati. Per meglio comprendere i nuovi obblighi a carico dei datori di lavoro e dei lavoratori, con le diverse sfumature legate alla natura autonoma o dipendente dell’attività, sarà in edicola giovedì 30 settembre lo Speciale di 16 pagine «Green pass e smart working. Le nuove regole per lavorare».

Nel Focus gli esperti del Sole 24 Ore vaglieranno il decreto con approfondimenti mirati in tutti i settori interessati, evidenziando le distinzioni esistenti, ad esempio, tra il mondo dei lavoratori dipendenti, considerati assenti ingiustificati in caso di mancanza del green pass ma con il diritto a mantenere il posto di lavoro, e il popolo delle partite Iva, a cui la mancata presentazione nei luoghi di lavoro può costare la risoluzione del contratto per inadempimento o il recesso per impossibilità sopravvenuta della prestazione.

Oggetto di particolare approfondimento sarà l’intreccio fra lo smart working e i nuovi obblighi di legge. Su questo fronte si sottolinea che il lavoro agile, concedibile sempre a discrezione del datore di lavoro, non costituirà uno strumento per eludere l’obbligo della certificazione. Sotto la lente anche le sfumature normative riscontrabili in materia di controlli e conseguenti sanzioni, in cui da una prima analisi emergono aspetti ancora poco chiari.

Inoltre, poiché l’utilizzo diffuso della certificazione verde favorirà il rientro in presenza nei luoghi di lavoro, vengono fornite indicazioni sull’opportunità di aggiornare le policy relativa ai buoni pasto, agli incentivi per la mobilità, nonché gli accordi per i premi di risultato i cui indicatori di performance magari sono stati ritoccati a inizio pandemia e ora vanno adeguati alla “nuova normalità”.

 

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.