MORRONE (LEGA) * IGOR IL RUSSO: ” LO STATO C’È, SE I FIGLI DI VALERIO VERRI VOGLIONO INCONTRARMI SONO DISPONIBILE DA SUBITO “

Igor il russo. Morrone (Lega) : “Lo Stato c’è. Se i figli di Valerio Verri vogliono incontrarmi sono disponibile da subito”. “Non c’entra il paese d’origine o il colore della pelle di fronte allo sdegno nei confronti di qualunque crimine. Lo Stato c’è in ogni caso. Spiace, anche se è comprensibile di fronte al dolore di una perdita così ingiusta, leggere le dichiarazioni dei figli della guardia ecologica volontaria, Valerio Verri, uccisa a Portomaggiore l’8 aprile 2017, quando affermano di sentirsi abbandonati dallo Stato. Io mi rendo disponibile fin da subito a incontrarli basta che mi contattino”.

A parlare è il sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone, che dichiara anche la “contrarietà nell’apprendere della richiesta del rito abbreviato, condizionato a una perizia psichiatrica, da parte della difesa dell’accusato di questi brutali delitti”.

“Ovviamente oggi la legge consente ancora a chi si macchia di delitti punibili con l’ergastolo o di crimini di grave allarme sociale di chiedere il giudizio abbreviato che permette, in caso di condanna, la diminuzione di un terzo della pena. E’ una cosa intollerabile oltre che ingiusta perchè non tutela le vittime e i loro famigliari e, tanto meno, tutta la società, che deve essere rassicurata da una giustizia rapida, che non fa sconti e commina pene certe a chi commette atti così gravi. Credo che il provvedimento, oggi in discussione al Parlamento, sull’esclusione di questi crimini dal rito abbreviato debba essere approvato al più presto.

L’attuale Governo l’ha inserito fra i punti più importanti del ‘pacchetto sicurezza/giustizia’ che sta andando avanti a tempi di record. Credo che l’approvazione di una norma per la certezza della pena senza sconti, in questi casi di estrema gravità, sarà positiva sia per il sistema giudiziario italiano, che per ridare fiducia agli italiani in una giustizia giusta”.