VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

COPPOLA (EUROPA VERDE) – INTERROGAZIONE * AMBIENTE: « IL SISTEMA DI DEPURAZIONE DELL’ALTO GARDA DEVE TROVARE IMMEDIATA POSITIVA SOLUZIONE »

Il problema degli impianti di depurazione e dei collettori nell’Alto Garda è da anni oggetto di dibattito politico, ma al momento non ha trovato soluzione.

I tre impianti di depurazione attualmente attivi sono obsoleti, inadeguati al sistema di smaltimento dei fanghi e sottodimensionati. La capacità per abitante è spesso superata e la situazione è aggravata dai conferimenti in deroga del percolato, dannoso sia in termini ambientali, sia per gli ingenti costi di smaltimento a carico della collettività.

Lo stesso si può dire della rete dei collettori che andrebbe revisionata e gli allacciamenti portati a compimento andrebbero controllati.

Tale rete per lunghi tratti permette la commistione tra acque bianche e acque nere che comporta importanti squilibri nel processo di depurazione.

Il 2020 è stato un anno caratterizzato da copiose precipitazioni e si sono verificati problemi di reflusso degli scarichi a causa dell’innalzamento anomalo del fiume Sarca.

Gli attuali interventi su parte del collettore di Linfano e sul depuratore Arena non sono sufficienti a risolvere il problema. Il quarto aggiornamento del Piano provinciale per il risanamento delle acque che risale al 2012 è rimasto inattuato. Prevedeva la realizzazione di un deputratore centralizzato da collocarsi in caverna sotto il Brione o il trasferimento del sistema di depurazione dell’Alto Garda a “Media Vallagarina”, dove dovrebbe essere realizzato un nuovo depuratore centralizzato di dimensioni idonee a cui si arriverebbe con un sistema di pompaggio a risalita.

Ciò premesso interrogo il presidente della Provincia di Trento per sapere:

se e in che tempi intenda procedere all’aggiornamento del Piano provinciale per il risanamento delle acque, prevedendo soluzioni per l’Alto Garda che non possono essere più assolutamente procrastinate: per la salvaguardia dell’ambiente, della qualità di vita degli abitanti e per tutelare la qualità delle acque del lago di Garda.

 

*

Cons. Lucia Coppola

Consigliera provinciale/regionale Gruppo Misto/Europa Verde