START UP TRENTINO: INDAGINE CONTRIBUTI COMUNITARI PAT

Intervista Procuratore regionale Corte Conti dottor Marcovalerio Pozzato

Marcialonga, Segnana: “Evento internazionale e occasione per sottolineare il rapporto sport-salute”. “Un evento importante dal punto di vista turistico e delle presenze, che richiamerà 75.000 partecipanti. La regina delle Granfondo, con un nome riconosciuto a livello internazionale, e oggi, grazie ad uno studio presentato durante la conferenza stampa, un’occasione per sottolineare ancora una volta l’importanza dello sport, e in particolare dello sci di fondo, per la salute e per la qualità della vita sociale”: questo il commento dell’assessore provinciale alla salute Stefania Segnana, intervenuta questa mattina alla presentazione, che si è svolta presso la Sala Don Guetti in via Segantini a Trento, della quarantasettesima edizione della Marcialonga che si terrà domenica 26 gennaio.

Nel suo intervento di saluto, l’assessore Segnana, condividendo con il collega di Giunta Roberto Failoni la considerazione dell’importanza degli sport invernali e delle grandi manifestazioni sportive come parte integrante della natura stessa del Trentino, ha ricordato l’impegno per le Olimpiadi invernali del 2026. Un risultato, ha evidenziato l’assessore, frutto della qualità delle strutture presenti sul nostro territorio ma anche delle consolidate capacità organizzative, affinate in anni di esperienza nell’organizzazione di eventi di livello internazionale.
Per il Trentino, ha aggiunto Segnana, la Marcialonga è un eccezionale strumento di promozione turistica e territoriale, in grado, negli anni, di mobilitare migliaia di persone e di farsi conoscere nel mondo anche grazie al suo grande richiamo mediatico. E’ un evento, ha concluso, che mette in gioco le capacità degli agonisti, ma rappresenta anche una grande festa per tutti coloro che amano lo sport. La manifestazione, ha ribadito l’assessore Segnana, rappresenta quindi un patrimonio dei trentini e di una comunità che vuole dimostrare le sue capacità organizzative e la sua vocazione all’ospitalità.