CONI TRENTINO

L'impegno per le Olimpiadi 2026 - intervista Presidente Paola Mora

Il Consigliere Dallapiccola, in questi giorni di grande caldo, non trova niente di meglio da fare che commentare con toni sarcastici la cancellazione dei ritiri delle squadre calcistiche in Trentino, addebitandone la responsabilità, in modo alquanto inverosimile, all’Assessore Roberto Failoni. Così come un bambino che ride delle sventure altrui, Dallapiccola fatica a rendersi conto che denigrare ulteriormente il lavoro della maggioranza crea solamente un danno al nostro Trentino, e dovrebbe sforzarsi, forse, di essere più propositivo e – non solamente – polemico!

L’ex Assessore dovrebbe sapere che il tema dei ritiri delle squadre di calcio in Trentino è problematico: infatti, oltre agli episodi imprevedibili che hanno riguardato Roma e Palermo, i club sono alla ricerca di nuove fonti di introiti guardando sempre più all’estero per l’organizzazione delle preparazioni estive.

Fortunatamente l’Assessore al Turismo Roberto Failoni è attivo per ricercare nuovi sbocchi che vadano anche oltre al calcio. La vittoria della nostra candidatura alle Olimpiadi invernali è sicuramente di buon auspicio, con la commissione del CIO che ha riconosciuto la grande qualità delle nostre strutture ricettive. Risultato che non era per nulla scontato, anzi, ma che ha avuto dietro tanto lavoro e tanta passione.

Così come è di grande valore il recentissimo accordo stretto proprio in questi giorni per ospitare il Mondiale di Pesca a Mosca 2021 categorie Junior e Master, con 25 nazioni partecipanti che si ritroveranno per gareggiare in Trentino.

Concludo suggerendo a Dallapiccola un vecchio adagio sempre in auge: un bel tacer non fu mai scritto.

Questo è quanto dichiarato in una nota dal Consigliere provinciale Devid Moranduzzo.