QUALI SONO I VERI NUMERI DELLA PANDEMIA IN TRENTINO?

Diretta video a cura di "Trentino In Azione "

***

VIDEOINTERVISTA AL SEGRETARIO UIL FPL TRENTINO

MARCELLA TOMASI

Focus su: « Pat ed Enti Locali/ Covid / Contratti Collettivi / Scuola / Centrosinistra e Lega

Con il Decreto legge n. 14 del 9 marzo 2020 sono state istituite le Unità speciali di continuità assistenziale (USCA). Il loro compito è quello di gestire la sorveglianza dei malati Covid che si trovano in isolamento domiciliare, per assistere quindi i pazienti anche all’interno delle loro abitazioni, evitando così un sovraffollamento nei reparti ospedalieri dedicati. Il decreto prevedeva la loro attivazione da parte delle Regioni e Province autonome entro 10 giorni e almeno una USCA ogni 50mila abitanti.

Risulterebbe che in Trentino siano già state avviate 16 Unità speciali di continuità assistenziale.

Ciò premesso interrogo il Presidente della Provincia autonoma di Trento per sapere:

Il numero esatto di Unità speciali di continuità assistenziale istituite in Trentino;
dove sono state istituite;
se ci sono territori ancora scoperti;
quanti medici, infermieri e altre figure sanitarie (per esempio radiologi) operano in ogni USCA;
quali sono esattamente le loro funzioni, oltre a quella principale di assistere i malati Covid a domicilio.

 

*

Cons. Lucia Coppola