Gli ordini del giorno legati al ddl 29 della Giunta sugli appalti e i contratti pubblici.

L’odg numero 1, proposto Filippo Degasperi (5 Stelle), chiede al Consiglio di impegnare la Giunta provinciale ad attivare un tavolo di confronto con l’Università di Trento, le imprese aggiudicatarie e le rappresentanze sindacali disponibili a verificare la situazione della reception dell’Ateneo e ad individuare come riportare lo standard di servizio al livello atteso e allo stesso tempo le modalità utili a ripristinare il precedente trattamento economico dei lavoratori.

L’odg 2, di Alex Marini (5 Stelle) impegna la Giunta a predisporre entro tre mesi dall’approvazione di questo stesso odg il regolamento di attuazione della legge 2 del 2016 sugli appalti per la verifica della correttezza delle retribuzioni nell’esecuzione dei contratti pubblici e ad adeguare la normativa in materia di verifica dell’effettiva tutela dei lavoratori in fase di esecuzione dell’appalto.

L’odg numero 3, proposto da Ugo Rossi (Patt), impegna la Giunta ad effettuare nel priù breve tempo possibile un’analisi organizzativa, tecnica ed economica per verificare se si possono adottare soluzioni più sostenibili dal punto di vista finanziario per l’approntamento delle strutture in cui svolgere le gare di pattinaggio sul ghiaccio di velocità previste a Baselga di Pinè in occasione dalle Oimpiadi invernali del 2026, dal momento che l’investimento ipotizzato ammonta a 37 milioni di euro.

L’odg 4 proposto ancora da Marini e sottoscritto da Degasperi, impegna l’esecutivo a riunire e a coordinare in un unico disegno di legge ispirato ai principi della chiarezza e dell’uniformità, denominato “Codice degli appalti e dell’attività contrattuale e dell’amministrazione dei beni della Provincia autonoma di Trento”, tutte le leggi e i decreti oggi in vigore, che rendono molto complessa la materia, ddl da sottoporre all’esaem del Consiglio entro un anno dall’approvazione di questo odg.