VIDEONEWS & sponsored

(in )

SETTIMANALE “ OGGI “ * IN EDICOLA L'8 APRILE 2021: « MICHELLE HUNZIKER DIFENDE LA FIGLIA AURORA – CASO DENISE PIPITONE – EMANUELE FILIBERTO CRITICA HARRY E MEGHAN – CAROLYN SMITH DIFENDE ALESSANDRA CELENTANO »

MOLESTIE PER STRADA/SU «OGGI» MICHELLE HUNZIKER DIFENDE LA FIGLIA AURORA: «UOMINI, IMPARATE A RISPETTARE LE DONNE»

OGGI, in edicola da domani, ospita la risposta che Michelle Hunziker ha voluto dare a una lettrice sul caso di «cat calling» (molestie per strada) denunciato dalla figlia Aurora. «Credo sia giusto prendere posizione di fronte a questo fenomeno, e dire chiaro e forte che non è né spiritoso né divertente, solo irrispettoso e volgare. Bisogna farlo soprattutto pensando alle ragazzine più giovani, alle più timide, che rischiano di esserne umiliate e impaurite».
Spiega Michelle: «Non mi piace chi prova a spacciare il cat calling per un omaggio un po’… ruspante: penso che un uomo intelligente abbia frecce migliori al proprio arco per esprimere apprezzamento… Mi ha fatto molto piacere che Aurora abbia reagito con decisione: il senso della giustizia l’ha spinta a usare la sua consapevolezza e i suoi strumenti per mandare un segnale che può dare coraggio a chi ha un carattere meno forte del suo, e che forse farà riflettere chi non è tanto abituato farlo».

MOLESTIE PER STRADA/SU «OGGI» LE CONFESSIONI DI MOLTE DONNE DELLE SPETTACOLO, TRA RABBIA E MINIMIZZAZIONE

Sul caso denunciato da Aurora Ramazzotti, OGGI, in edicola da domani, ha raccolto il parere di molte donne dello spettacolo. Tra le tante, Alba Parietti: «È giusta la polemica di Aurora… chiedere giustizia ancora oggi è come uscire disarmati davanti al plotone d’esecuzione e sì, lo ammetto, io non me la sono sentita… Però non esageriamo al contrario: un uomo non deve camminare muto e con gli occhi bassi, io non mi sento offesa da un fischio, mi fa sorridere».
Martina Colombari: «Io, a 46 anni, tiro dritto e non me la prendo, ma capisco che può creare disagio… Piuttosto considero molesto l’atteggiamento di chi ci prova con me anche se sa che sono sposata, ho un figlio e non mostro interesse nei suoi confronti». Manuela Arcuri: «A me ha sempre spaventato il fischio o il commento per strada. Da ragazzina di più ma anche adesso mi fa sentire in ansia».
Giulia Arena, attrice anche nel «Paradiso delle Signore»: «Mi sembra un modo goffo di mostrare la “criniera” e sentirsi autogratificati perché nella nostra cultura c’è ancora l’idea dell’uomo che così esprime virilità». E se Samanta Togni racconta: «Sono stata vittima di questi comportamenti e mi sono sentita offesa, anzi, indignata. Io spesso reagisco, non gliele mando a dire!», altre, come Iva Zanicchi si complimentano con Aurora perché «il complimento volgare va stigmatizzato» ma avvertono: «In generale, mi pare si stia esagerando, stiamo andando verso un mondo sterilizzato in cui un fischio passa per un’offesa mortale: se ne fa una questione di Stato, non si può più dire niente!». E Donatella Rettore ironizza: «Io mi domando seriamente dove sono finiti gli uomini che fanno i complimenti».

CASO DENISE PIPITONE/«OGGI» RIEVOCA LA PISTA DELL’EST PERCORSA DAL MAGNATE ALBANESE PACOLLI: «NON È STATA PORTATA VIA DAGLI ZINGARI E NON È IN RUSSIA»

Mentre continua a far discutere e non si chiarisce l’identità della ragazza russa sospettata di essere Denise Pipitone, OGGI, in edicola da domani, rievoca l’intervento nella vicenda e le decise conclusioni del magnate albanese Behgjet Pacolli, ex marito di Anna Oxa ed ex presidente del Kosovo. Quindici anni fa disse a OGGI: «Denise non è mai transitata in un Paese balcanico. Sono in grado di assicurarlo dopo mesi di viaggi, contatti, rapporti con i capi dei nomadi dell’Europa balcanica, emissari che hanno scandagliato quel mondo, dal Montenegro alla Macedonia, dalla Bosnia all’Ucraina alla Bulgaria fino alle Repubbliche asiatiche dell’ex Urss. E neanche in Russia. Ho avuto garanzie precise, grazie ai miei agganci con il mondo slavo e con quello dell’Asia interna. Bisogna cercarla altrove. Bisogna capire le cause del rapimento. Solo così si scoprirà la verità. La scomparsa di Denise è un affare di famiglia. La verità cercatela in Sicilia».

EMANUELE FILIBERTO CRITICA SU «OGGI» HARRY E MEGHAN: «FATEVI IL VOSTRO MARCHIO, MA NON SI SPUTA NEL PIATTO IN CUI SI È MANGIATO»
«L’intervista ad Oprah Winfrey l’ho trovata molto sciocca ed è un peccato che Harry e Meghan l’abbiano concessa: non si sputa nel piatto in cui hai mangiato». Così dice Emanuele Filiberto di Savoia su OGGI, in edicola da domani. «Trovo che la loro scelta di lasciare l’Inghilterra sia sana: avanti, fatevi la vostra vita, lavorate, create un marchio. Però, ripeto, non sputate nel piatto in cui avete mangiato… Sono poi rattristato per il rapporto che Harry aveva con il fratello William, il padre Carlo e la nonna regina… Meghan la nuova Diana? Non lo sarà mai. Diana era una persona straordinaria che ho avuto la fortuna di conoscere anche poco prima della sua morte. Ho più di una volta cenato con Diana e Dodi e di lei. Meghan si è giocata male la sua carta».
A OGGI, Emanuele Filiberto parla anche dell’idea di fondare un nuovo partito: «Per il momento di vero non c’è nulla. Realtà Italia è però un’associazione che, favorendo incontri tra grandi imprenditori e non solo, ha come obiettivo quello di trovare soluzioni per l’Italia in sofferenza».

SU «OGGI» CAROLYN SMITH DIFENDE ALESSANDRA CELENTANO: «NON È CATTIVA E GUAI A CHI LA TOCCA»

Carolyn Smith, ballerina e coreografa, giurata di «Ballando con le stelle» dice la sua sul settimanale OGGI, in edicola da domani, in merito alle rinnovate critiche sulla cattiveria della coreografa di «Amici» Alessandra Celentano: «Guai a chi tocca Alessandra Celentano che è una vera professionista ed è l’unica che sta difendendo il vero ballo… Dicono che sia “cattiva”, ma è solo ignoranza… Credo che sia completamente inutile proteggere i ragazzi con belle parole. A che cosa serve? Se sono scarsi è meglio che lo sappiano».

 

*