VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

MOBILITA’ SOSTENIBILE: CONSIGLIO PAT, AL VIA IL DISEGNO LEGGE IN III COMMISSIONE

(Fonte: Consiglio Pat) – La terza Commissione permanente presieduta da Mario Tonina ha “aperto” questa mattina, in presenza dell’assessore competente Mauro Gilmozzi, l’iter di esame del disegno di legge 177 sulla mobilità sostenibile della Giunta. L’assessore ha spiegato come la proposta nasca dal confronto con il comitato che sosteneva il disegno di legge d’iniziativa popolare, con il quale non si era trovata convergenza in particolare su due questioni di fondo: la gratuità e la composizione dell’osservatorio. Sul primo punto si è verificata l’impraticabilità, mettendone in evidenza insostenibilità dei costi e la scarsa efficacia. Il secondo aspetto è inserito in un processo di pianificazione del piano della mobilità e vede delle forme di partecipazione a monte e durante la stesura. Per la gestione è prevista la nomina di un responsabile della partecipazione, che deve essere scelto tra persone competenti in materia. Al momento è previsto che sia la Giunta a nominare il responsabile della partecipazione, in attesa della predisposizione di uno strumento legislativo -in elaborazione- che introduca un organismo di terzietà che si occupi della nomina di tutti i responsabili dei processi partecipativi. Aldilà della responsabilità e composizione dell’Osservatorio, le funzioni sono quelle di monitorare, ascoltare, ricevere istanze, bisogni e proposte, nella sostanza fare da “filtro” per la Giunta rispetto alle tematiche in oggetto. Si tratta di un luogo di aiuto, osservazione e soprattutto coinvolgimento e regia del confronto. Gilmozzi ha volutamente tralasciato le considerazioni di fondo sul tema del trasporto e sull’opportunità di introdurre una cultura sostenibile che sono all’origine del documento e che sono state approfondite negli ultimi mesi, con l’esame della proposta popolare.

Il consigliere Nerio Giovanazzi (At) ha dato atto all’assessore Gilmozzi di aver cercato di valorizzare gli aspetti positivi del disegno di legge d’iniziativa popolare. Allo stesso modo ha apprezzato la volontà di dare spazio ai cittadini, tenendo però la barra al centro sulle scelte tecniche, rispetto alle quali è necessario armonizzare ogni nuova proposta. Sono disponibile anche a votare questo disegno di legge, indipendentemente dal ruolo che occupo in Consiglio provinciale, ha concluso. Anche Claudio Civettini (Civica) ha espresso disponibilità a lavorare sia in Commissione che in aula su questo tema. Tuttavia il consigliere della Civica ha chiesto la disponibilità all’assessore nel considerare la situazione della città di Rovereto –impegnata in una strategia di limitazione del traffico nel centro storico- ed aiutare le amministrazioni comunali a rendere queste strategie concrete e sostenibili con la programmazione di parcheggi, autosilos e quant’altro.

“Non abbiamo facoltà di intervenire su questioni che riguardano i comuni”, ha replicato l’assessore Gilmozzi: il nostro obiettivo è quello di costruire e poi favorire la nascita di una cultura della mobilità, stimolando una coerenza con le politiche-guida. Non possiamo pianificare dove deve farlo il comune, si tratterebbe di una sovrapposizione impraticabile sul piano istituzionale. Tuttavia, a Rovereto sta avvenendo proprio questo, ha aggiunto: si sta analizzando la situazione del traffico e si sta mettendo in luce la necessità di gestirla con una pianificazione sostenibile. Noi in questa sede dobbiamo rimanere sul legislativo ed assicurare che ci siano gli strumenti per lavorare ad una mobilità sostenibile, ha concluso: qui introduciamo delle linee guida, questo non può diventare il piano della viabilità. Il presidente Mario Tonina ha ricordato alla Commissione che l’esame di questo disegno di legge deve essere completato entro il 14 febbraio ed ha proposto una serie di soggetti da ascoltare tra i quali, su suggerimento della consigliera Donata Borgonovo Re (PD), il Comitato che si occupò del disegno di legge d’iniziativa popolare nella persona della prima firmataria del documento signora Antonella Valer.

 

 

In allegato il comunicato stampa:

TERZACommissione_11gennaio_2016