News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

SINDACO SECCHI * BANDO VIGILE URBANO COMUNI ALA-AVIO: ” LUNEDÌ APPROFONDIRÒ PERCHÉ LA QUESTIONE NON È CERTA E SE IL BANDO È ERRATO VA SUBITO RITIRATO E RIFORMULATO “

Scritto da
17.51 - sabato 28 luglio 2018

In riferimento alla questione relativa al “Bando da vigile aperto ai profughi” così come titolato da un quotidiano locale, sono, con la presente, ad evidenziare come nell’ultima conferenza dei sindaci tra il sottoscritto ed il collega di Ala -Claudio Soini- sulla gestione associata del Corpo intercomunale di Polizia mMunicipale Ala-Avio, collegialmente si è stabilito di bandire un concorso pubblico per esami per un posto di agente di Polizia municipale, categoria C, livello base prima posizione retributiva con orario di lavoro a tempo pieno, presso proprio il Corpo intercomunale di Polizia municipale Ala-Avio.

Il Comune di Ala, ente capofila nella gestione associata, ha poi preparato materialmente il bando.

Ricordo, a tal guisa, che con Legge 06/08/2013 n° 97, in G.u. 20/08/2013 l’Italia si è adeguata alle direttive dell’Unione e a svariate sentenze emesse, in forza di queste, dalla nostra magistratura.

Pertanto, i lavoratori extracomunitari possono, in virtù di tali disposizioni, fare domanda per partecipare ai concorsi pubblici, in presenza di determinati requisiti e per determinate funzioni.

E così è stato per i concorsi pubblici banditi da quella data in poi. Dura lex sed lex.

Lo stesso bando di Ala prevede, poi, al punto 10, che i candidati, per poter essere ammessi siano in possesso delle condizioni soggettive previste dall’art. 5, secondo comma della legge 7 marzo 1986 n. 65 (Funzioni di polizia giudiziaria, di polizia stradale, di pubblica sicurezza).

Infatti, se la normativa sul pubblico impiego prevede che i cittadini dell’Unione europea possano accedere a quei lavori pubblici che non comportano esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri e funzioni, oppure che non risultano necessari per l’interesse nazionale, è chiaro altresì che, in particolare, il requisito della cittadinanza italiana va sicuramente previsto in caso di funzioni che comportano l’elaborazione, la decisione, l’esecuzione di provvedimenti autorizzativi e coercitivi.

Per questo, posto che la questione è complessa, lunedì chiederò un’ulteriore ed approfondita verifica e se dovessero emergere controversie interpretative -non credo- ne chiederò il ritiro e la sua riformulazione.

Senza conclusioni affrettate e nel pieno rispetto della legge.

Avendo sempre a cuore l’interesse della mia comunità.

Sul tema dopodiché, ho visto che un consigliere di opposizione alla maggioranza consiliare di centrodestra del Comune di Avio, la signora Anna Valli, ha inviato un’interrogazione ai giornali prima che lo stesso l’abbia potuta vedere in Comune.

E non è la prima volta che si muove in questo modo. Ricordo che, anche le dimissioni da consigliere delegato vennero date prima ai giornali che al Sindaco che l’aveva nominata.

Così come invece prevedrebbe la correttezza istituzionale ed un minimo di educazione politica.

Ma tant’è. Probabilmente la campagna elettorale per la signora Valli è già iniziata e sono convinto che la sua battaglia contro il centrodestra aviense continuerà ancora a lungo. Con buona pace dei tanti elettori che l’avevano votata in forza a questa maggioranza.

 

*

Federico Secchi
Sindaco del Comune di Avio

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.