INTERVISTA AL SEGRETARIO UIL TRASPORTI DEL TRENTINO

NICOLA PETROLLI

Focus su: Trasporto urbano Trento - Rovereto/Riva del Garda

 Ferrovia Trento/valli Avisio - Contratto Pat

È stata approvata all’unanimità una mozione proposta da Vanessa Masè, Consigliere e capogruppo de La Civica, volta a promuovere la riduzione dell’uso di materiali monouso negli eventi pubblici che fanno da felice corollario alla promozione turistica e associativa del territorio. La mozione viene discussa in un momento in cui la socialità è fortemente limitata dalla pandemia e vuole pertanto essere un auspicio alla ripresa di quelle attività sociali e di promozione del territorio che rendono accogliente il nostro Trentino, e l’intento della proponente è proprio quello di riuscire ad avere uno sguardo al futuro, quando la pandemia sarà superata e le persone torneranno a poter fruire delle tante sagre di cui tutti sentiamo forte la mancanza. Oltre a ciò, l’auspicio è di invitare gli enti organizzatori ad orientarsi verso materiali che possano trovare un riutilizzo, nel tentativo di portare a ridurre la frazione residua al minimo, ottenendo un duplice risultato: diminuire la messa in circolo di ulteriori rifiuti e sensibilizzare la popolazione sull’importanza del riciclo, anche in ottica degli obiettivi dell’Agenda 20 30 che la maggioranza provinciale si è programmaticamente posta.

La giunta provinciale ha proposto la sottoscrizione di un accordo con il Consorzio dei Comuni, finalizzato a promuovere presso le amministrazioni comunali la cultura del riuso e la creazione di una rete organizzativa, con la collaborazione degli enti gestori dei rifiuti, per la distribuzione e gestione di materiali riutilizzabili durante le manifestazioni organizzate sul territorio provinciale, quando si potrà fare.

Il tema non è solo quello ecologico legato alla sostenibilità, ma impatta anche sul volume dei rifiuti, la conseguente necessità del loro smaltimento (tanto più problematica quanto maggiore è, e non dimentichiamo che ogni italiano produce mediamente 500 kg di rifiuti all’anno), e quindi la pianificazione delle politiche attuali e future per quel che riguarda le discariche e le altre tipologie di impianti di smaltimento. A ciò, si lega il tema enorme, benchè silenzioso, del traffico illecito dei rifiuti, il quale ha, tra le tante conseguenze nefaste, anche quello di rappresentare concorrenza sleale nei confronti di quelle aziende che lavorano o smaltiscono secondo le previsioni normative. Partendo da una confezione di posate di plastica, questo tema arriva a toccare quindi aspetti decisamente impattanti sulla comunità.

 

*

Vanessa Masè Consigliere provinciale e Capogruppo “La Civica”