Intervista a Marina Mattarei

- ex Presidente Federazione Trentina della Cooperazione -

Due acquisizioni strategiche nel trasfusionale: Haemonetics negli Stati Uniti, gruppo Medinfo in Francia.

 

*

L’ACCORDO RAFFORZA LA PROPOSTA INTERNAZIONALE DI GPI, ARRICCHENDO UN PORTAFOGLIO UNICO DI OFFERTA DELLE SOLUZIONI SOFTWARE DEDICATE AL TRASFUSIONALE

– L’operazione conferma le linee strategiche che prevedono l’acquisizione di soluzioni software ad alta marginalità, conferisce un forte slancio alle attività di internazionalizzazione di Gpi e ne rafforza la presenza negli Stati Uniti.

– Gli asset oggetto di acquisizione hanno registrato ricavi totali annui pari a circa 11,3 milioni di USD con un margine EBITDA in area 35% (stimato in base a modelli di valutazione di Gpi).
– Il prezzo di acquisto concordato prevede una prima tranche pari a $ 14 milioni (USD) al closing e una seconda, di importo massimo pari a $ 14 milioni aggiuntivi, condizionati al raggiungimento di obiettivi commerciali nel corso dei dodici mesi immediatamente successivi alla chiusura dell’accordo.

GPI (GPI: IM), società leader nelle soluzioni IT per la Sanità e il Sociale, quotata sul mercato MTA di Borsa Italiana, ha siglato ieri un accordo con HAEMONETICS CORPORATION (NYSE: HAE) che prevede l’acquisto di alcuni asset della business unit “Blood Center” della società americana dedicati alla gestione dei donatori di sangue. Haemonetics, società internazionale di tecnologia medicale, è focalizzata sulla fornitura di soluzioni ematologiche innovative volte a ottenere i migliori risultati per i pazienti.

Secondo i termini dell’accordo Haemonetics e la sua controllata Global Med Technologies trasferiranno a Gpi la proprietà intellettuale, i contratti con i clienti e altri asset connessi alle soluzioni trasfusionali ElDorado Donor®, Hemasphere®, Donor Doc®, Donor Doc Phlebotomy®, eDonor®, DonorSpace®, Surround™ and SafeTrace®.
I prodotti oggetto dell’accordo sono installati principalmente negli Stati Uniti e forniscono una gamma di soluzioni per ottimizzare la pianificazione del flusso trasfusionale, con particolare riferimento alla gestione del reclutamento nei centri di prelievo, nella raccolta e nella conservazione del sangue dei donatori, nonché nella produzione e distribuzione degli emoderivati.

Gpi è presente sul mercato americano già da due anni, grazie all’acquisto di Hemasoft SL e Hemasoft America: trattasi di una importante sede che svolge la propria attività commerciale sia per il mercato USA che per l’America latina ove si è presenti in diversi Stati.

Il prezzo di acquisto concordato prevede un pagamento di $ 14 milioni (USD) al closing e un saldo fino a un massimo di $ 14 milioni condizionato al raggiungimento di alcuni obiettivi commerciali nel periodo di dodici mesi immediatamente successivo al closing stesso.
Gli asset oggetto di acquisizione hanno registrato ricavi totali annui di circa 11,3 milioni di USD con un margine EBITDA in area 35% (stimato in base a modelli di valutazione di Gpi).
Le attività acquisite si rivolgono a oltre 100 clienti, che costituiscono circa il 40% dei centri per donatori di sangue e il 5% degli ospedali negli Stati Uniti, accreditati AABB[1].
L’operazione è sostenuta con ricorso parziale alle risorse ottenute con l’emissione del mini bond perfezionato a dicembre 2019.
La transazione è soggetta al soddisfacimento delle consuete condizioni di chiusura e si perfezionerà nel secondo trimestre del 2020.

Fausto Manzana, Presidente e Amministratore delegato di Gpi: «La nostra priorità è fornire soluzioni tecnologiche all’avanguardia, con un approccio globale, per coprire tutti gli aspetti della trasfusione di sangue, garantendo la massima tracciabilità, la sicurezza del paziente e l’alta soddisfazione del cliente. Gpi farà confluire le attività acquisite con quelle già in essere in Hemasoft America, per rafforzare la presenza dell’intero Gruppo Gpi negli Stati Uniti offrendo un portafoglio completo di soluzioni software e servizi. Continuiamo a crescere e ad investire nel settore del Blood Management Software System: siamo entrati nel mercato qualche tempo fa con le acquisizioni di Insiel Mercato, che detiene quasi la metà della quota di mercato italiana, di Hemasoft, società spagnola con una forte presenza internazionale e già operativa negli Stati Uniti, e con la recente acquisizione di Guyot Walser Informatique che opera in 360 ospedali francesi. Oltre a importanti clienti e contratti negli Stati Uniti, l’acquisizione dei prodotti software di Haemonetics consente di organizzare un portafoglio unico di soluzioni software per aumentare la quota di mercato a livello mondiale di Gpi in questo specifico settore, quantomai essenziale in questo particolare momento di emergenza pandemica».

Chad Nikel, Presidente di Haemonetics Global Blood Center, ha dichiarato: «Siamo impegnati a rimodellare il nostro portafoglio per una crescita sostenibile e questa vendita ci consentirà di concentrarci sulle nostre competenze principali, offrendo prodotti e servizi di qualità in cui apportiamo un valore chiaro. Continueremo a investire in tutta la nostra attività, ad attuare le nostre strategie incentrate sul cliente per rafforzare la nostra traiettoria e sviluppare tecnologie mediche innovative che migliorino significativamente l’assistenza sanitaria».

 

*

TRASFUSIONALE, A SEGNO UN’ACQUISIZIONE STRATEGICA IN FRANCIA PER LO SVILUPPO INTERNAZIONALE DEL GRUPPO GPI

SIGLATO L’ACCORDO PER L’ACQUISTO DEL 100% DEL GRUPPO MEDINFO, PROPRIETARIO DI UNA DELLE PIÙ COMPLETE E COMPETITIVE SOLUZIONI SOFTWARE PER I SERVIZI TRASFUSIONALI

– L’operazione conferma il piano di M&A per l’offerta dell’ASA Software in settori ad alta marginalità e dà nuovo impulso al processo di internazionalizzazione del Gruppo Gpi.
– Il Gruppo MEDINFO ha registrato nel 2019 ricavi pari a 3,9 milioni di euro, EBITDA pari a 1,3 milioni di euro.
– Il valore dell’operazione è pari a 9 milioni di euro con un meccanismo di aggiustamento del prezzo fino a un massimo di 3 milioni di euro.

GPI (GPI:IM), società quotata sul mercato MTA leader nei Sistemi Informativi e Servizi per la Sanità e il Sociale, ha siglato lo scorso 25 maggio l’accordo per l’acquisizione del 100% del GRUPPO MEDINFO composto da 3 Società: Medinfo International Hémoservice (di seguito MEDINFO), società francese con sede a Nizza, Medical International Hemoservice Limitada Ltda, società cilena con sede a Santiago e Chartage Software Sarl, società tunisina con sede a Tunisi.

MEDINFO, fondata nel 1980, è stata un pioniere nell’ambito dei sistemi per la gestione del sangue ed è oggi diventata, assieme alle altre società del Gruppo, un fornitore chiave sia in Francia che a livello internazionale, con clienti in Arabia Saudita, Regno Unito, Qatar, Tailandia, Spagna e Belgio. La soluzione software sviluppata soddisfa tutte le esigenze del processo trasfusionale, dalla donazione alla trasfusione, inclusa l’industria della lavorazione, e migliora la tracciabilità e la sicurezza.

I sistemi di MEDINFO sono stati certificati dai principali centri trasfusionali, fra i quali l’inglese NHS-Blood and Transplant (NHSBT) e lo Etablissement Français du Sang (EFS). La flessibilità e l’affidabilità del sistema hanno favorito la sua diffusione e contribuito ad acquisire clienti quali il King Fahad Medical City (Arabia Saudita), il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito (NHS) con 60 centri trasfusionali serviti, il National Blood Center in Thailandia, il Centro trasfusionale degli eserciti francesi (Francia), il Centre de Transfusió Comunitat Valenciana (Valencia – Spagna), l’Hamad Medical Corporation (Sistema nazionale del Qatar) e il Centre National de Transfusion Sanguine (Tunisia).

«Con questa operazione il Gruppo Gpi conferma il percorso per diventare un partner di riferimento a livello globale nell’ambito Blood Management Software System – dichiara Fausto Manzana, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Gpi. – La crescita in tale settore è stata avviata tempo fa con le acquisizioni di Insiel Mercato, leader in Italia con il 50% di centri trasfusionali gestiti, della spagnola Hemasoft, player a livello internazionale con clienti presenti in oltre 60 paesi, e con la recente acquisizione di Guyot Walser Informatique, presente in 360 ospedali francesi. Oltre agli importanti contratti internazionali, MEDINFO porta in dote una delle soluzioni software più complete e competitive presenti sul mercato. La particolare tecnologia consente flessibilità di adattamento ai processi utilizzati nei vari paesi e favorisce lo sviluppo di una notevole sinergia con i software del gruppo Gpi aprendo la strada a significative potenzialità di cross e up selling sul parco installato che annovera più di 500 clienti distribuiti in oltre 60 paesi».

Nel 2019 il Gruppo MEDINFO ha registrato complessivamente ricavi pari a 3,9 milioni di euro e un EBITDA pari a circa 1,3 milioni di euro.

Il controvalore dell’operazione è pari a 9 milioni di euro con un meccanismo di aggiustamento del prezzo fino a un massimo di 3 milioni di euro.

Il regolamento dell’operazione prevede il versamento dell’importo di 9 milioni di euro al closing che dovrà avvenire entro il 30 settembre 2020.

L’operazione è sostenuta con l’utilizzo parziale delle risorse ottenute con l’emissione del bond perfezionato il 20 dicembre 2019.