PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

"Il Trentino news" (puntata n° 17)

GPI, società quotata sul mercato MTA leader nei sistemi informativi e servizi per la sanità e il sociale, si è aggiudicata tre lotti su cinque nella gara indetta dalla Regione Veneto per la gestione del Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) regionale. Il Gruppo, con quartier generale a Trento, ha partecipato alla competizione all’interno di un Raggruppamento Temporaneo di Imprese (RTI) composto da colossi del settore come Telecom Italia e InterSystems Italia. L’importo complessivo aggiudicato ammonta a 122,5 milioni di euro e prevede contratti di durata quinquennale, con possibilità di rinnovo per altri 2 anni e proroga di sei mesi. Il valore dei tre lotti aggiudicati al RTI è pari a 79 milioni di euro, con una quota GPI pari a 27,5 milioni di euro (21,5 milioni di euro per i primi 5 anni e 6 milioni di euro per il rinnovo biennale).

L’appalto ha lo scopo di consentire l’evoluzione del sistema informativo socio-sanitario della Regione Veneto verso una infrastruttura integrata che permetta di gestire la continuità della cura e la comunicazione tra i singoli sistemi sanitari e ospedalieri. Il nuovo SIO della Regione Veneto, infatti, ha tra i suoi obiettivi, in un contesto conforme alle più recenti politiche di sicurezza e privacy:
il miglioramento dell’efficienza delle cure,
il monitoraggio dei livelli essenziali di assistenza,
l’armonizzazione dei processi organizzativi,
il controllo della spesa sanitaria,
la promozione della trasparenza e dell’accessibilità ai servizi da parte del cittadino con l’introduzione di soluzioni correlate al progetto Fascicolo Sanitario Elettronico Regionale (FSEr).

I tre lotti riguardano l’Ulss Serenissima, l’Ulss Veneto Orientale, l’Ulss Polesana, l’Ulss Pedemontana, l’Ulss Berica, l’Ulss Scaligera e l’Azienda Ospedaliera Universitaria integrata di Verona (fra gli ospedali più grandi in Italia). Nel complesso il sistema gestirà circa 8.000 posti letto pubblici [1] – numero che potrà salire a oltre 10.000 se anche le strutture accreditabili sceglieranno di aderire.

Oscar Fruet, Direttore Commerciale Italia di GPI: “Si tratta di un progetto di nuova generazione, sia per la sua valenza a livello regionale, sia per la visione che sottende. In questo modo sarà possibile centralizzare il Sistema informatico dedicato alla gestione del CUP, dei dati clinici, del pronto soccorso e dei ricoveri, in modo che tutti i singoli sistemi delle aziende sanitarie ed ospedaliere regionali siano in grado di colloquiare tra di loro nel massimo rispetto della privacy”.

Matteo Santoro, Direttore Generale di GPI: “Per affrontare una sfida di questa portata, abbiamo scelto partner di livello internazionale come Telecom Italia (fatturato 2018: 19 miliardi di euro) e InterSystems (fatturato consolidato 2018 della casa madre pari a circa 700 milioni di dollari), la cui tecnologia viene utilizzata da numerosi servizi sanitari nazionali di grandi dimensioni, tra cui quello della Scozia e del Cile, l’Esercito degli Stati Uniti. Questa importante commessa dà un significativo impulso al percorso di crescita organica del nostro gruppo posizionandolo tra i maggiori player nel settore HealthTech”

Gpi opera da trent’anni nell’ambito delle soluzioni e dei servizi informatici per la sanità e il sociale, in Italia e all’estero. I clienti nel ramo sanitario sono ormai oltre 500 e fra di essi spiccano nomi importanti come l’Ospedale Niguarda di Milano, l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù della città del Vaticano, l’Umberto I di Roma, l’AKH di Vienna e il Sistema sanitario Nazionale Maltese.

 

*

GRUPPO GPI
GPI, società quotata sul segmento MTA di Borsa Italiana, è il Partner di riferimento nel mondo della sanità e del sociale. Grazie a un’offerta tecnologica all’avanguardia nel campo dell’informatica socio-sanitaria e dei nuovi servizi hi-tech per la salute, è in grado di cogliere le esigenze di trasformazione e le spinte innovative dei suoi numerosi clienti del settore pubblico e privato.

La forte crescita del Gruppo è stata trainata dai significativi investimenti in M&A e in R&D, svolta in partnership con i principali istituti universitari e di ricerca italiani con l’obiettivo di diffondere le conoscenze scientifiche, tecnologiche, funzionali e di processo applicate ai settori e-health, e-welfare, well-being. L’offerta del Gruppo combina competenze specialistiche in ambito IT e capacità di consulenza e progettazione che consentono di operare in differenti aree di business: Sistemi Informativi, Servizi per la Sanità, Logistica e Automazione, Servizi professionali ICT e Monetica. Negli ultimi anni il Gruppo è cresciuto attraverso l’acquisizione di società con business contigui o complementari e lo sviluppo del business in Italia e all’estero.
La Società ha chiuso il 2018 con ricavi consolidati oltre 203 mln/Euro e ca.4.300 dipendenti, in Italia e all’estero.
L’outlook 2019 porta a ricavi consolidati nell’anno superiori a 230 mln/Euro. L’organico cresce oltre le 5.000 unità.