PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-19 Free - 21 puntata  (format Tv)

Allarme scuola, urgente un piano tamponi, premesso che:

da pochi giorni hanno aperto le scuole di ogni ordine e grado dopo sei lunghi mesi di chiusura causa pandemia – Covid 19;

la situazione è certamente difficile e straordinaria per chi la scuola la vive e per le famiglie. Ecco che risulta essere fondamentale concentrarsi sulla prevenzione con le numerose incertezze legate all’uso della mascherina, del distanziamento fisico e all’uso del trasporto pubblico, alla corresponsabilità di famiglie e istituti rispetto alla gestione di possibili casi di positività;

fondamentale rimane l’utilizzo dei tamponi efficaci strumenti di segnalazione della presenza del virus che permetterebbero soprattutto di circoscrivere i positivi ed evitare di bloccare le attività scolastiche con ricadute per tutte le persone coinvolte direttamente;

nei mesi di marzo e aprile l’utilizzo dei tamponi è stato rallentato dalla difficoltà di gestire l’elevato numero ma è stato temporaneamente risolto grazie al fondamentale contributo del Cibio e della Fondazione Mach;

oggi il Cibio ha ripreso le sue attività ed i laboratori temporaneamente adattati per analizzare i tamponi (con relativo personale) hanno ripreso a svolgere le loro attività ordinarie;

durante le ultime settimane, pur in presenza di un significativo picco di nuovi contagi (304 complessivamente, con una media di quasi 22 nuovi contagi al giorno) sono stati fatti mediamente 1195 tamponi al giorno, troppo pochi soprattutto se consideriamo le esigenze che si prospettano davanti a noi con l’apertura della scuola;

ci sono segnalazioni di studenti e studentesse, che in presenza di alcuni sintomi sono dovuti rimanere a casa in attesa del tampone e dell’esito perdendo numerosi giorni di attività scolastica.

 

*

Tutto ciò premesso:

SI INTERROGA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA E L’ASSESSORA ALLA SALUTE PER SAPERE:

chi attualmente ha l’incarico di effettuare e di analizzare i tamponi;

se è in previsione l’aumento del personale e degli spazi dedicati all’effettuazione e all’analisi dei tamponi;

quale sia la tempistica, al momento, per ottenere i risultati dei tamponi;

se è possibile effettuare più tamponi durante i fine settimana;

se è stato previsto un piano straordinario per rispondere a un aumento significativo di richieste di tamponi che stanno già arrivando dalla scuola;

se è previsto in tempi brevi l’utilizzo di tamponi rapidi già usati in altre Regioni.

 

*

Paolo Ghezzi

Gruppo provinciale FUTURA