«Quale futuro per Trento Expo?»

Intervista a Milo Marsilli - Presidente Keeptop fiere

Che succede alla cultura in Trentino? Com’è possibile che, nonostante la Lega sia al governo da quasi un anno e nonostante la presenza di un assessore come Mirko Bisesti, nulla sia ancora cambiato nel settore della cultura in Trentino rispetto agli anni scorsi? Anche quest’estate i trentini si sono sciroppati gli stessi eventi culturali creati dalla sinistra che governava il Trentino 25 anni fa.

Questi eventi continuano a ripetersi grazie ai soldi ottenuti dalla Provincia dai rispettivi organizzatori con “convenzioni” stipulate in base dall’articolo 13 del regolamento di attuazione della legge cultura provinciale, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti: le manifestazioni, gli organizzatori e spesso anche gli artisti sono sempre gli stessi da 25 anni a questa parte. Pare che il violoncellista Mario Brunello detenga il record: si esibisce ai “Suoni delle Dolomiti” ogni anno ininterrottamente dal 1995. Quest’estate è ritornato per il venticinquesimo anno consecutivo e ha fatto addirittura cinque concerti in un mese, tutti gratis per il pubblico, perché chi paga il suo cachet è sempre la Provincia.

A causa di questo “curioso” articolo 13 la concorrenza nel settore della cultura è talmente distorta che in questi anni molti bravi professionisti, vista la situazione, sono stati costretti ad andare via dal Trentino. Se ne è accorta recentemente anche l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust), che il 9 maggio 2019, con la lettera AS1588 (allegata) pubblicata anche sul sito ufficiale, ha dato 60 giorni di tempo alla Provincia per rimediare, pena possibili sanzioni economiche mica da poco.

È dunque arrivato il momento di cambiare. Forza assessore Bisesti: annulla le convenzioni, cambia i dirigenti, i direttori e le commissioni, cambia l’articolo 13 del regolamento, premi il pulsante reset. La Provincia di Trento deve gestire in modo non discriminatorio la ripartizione dei finanziamenti e di tutte le iniziative a sostegno della cultura. Questo è fondamentale per il pluralismo e per lo sviluppo del settore in Trentino.

 

*

Agostino Carollo

 

Agostino Carollo, due lauree, artista, compositore, produttore e manager dell’impresa creativa Everness, è l’unico musicista trentino ad avere ricevuto la Nomination ai Grammy Awards (gli “Oscar” della musica). David Guetta ha oggi aggiunto il suo brano “To The Club” alla propria playlist ufficiale su Spotify.

 

Bollettino AntiTrust n24 17-6-2019 PAT