VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSORZIO COMUNI TRENTINI * SEDUTA DEL 24 MARZO 2021: « DISCIPLINA PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE PER IL 2021, PARERE FAVOREVOLE CON OSSERVAZIONI »

Disciplina per le assunzioni di personale nei Comuni per il 2021. Parere favorevole con osservazioni.

Il Consiglio delle autonomie Locali ha dato parere favorevole con osservazioni alla proposta di deliberazione della Giunta provinciale sulla ‘Disciplina per le assunzioni del personale dei comuni per l’anno 2021’

In apertura dei lavori il Presidente del Cal, Paride Gianmoena, ha specificato come l’argomento sia stato trattato in più di un’occasione e come, vista la sua importanza e la ricaduta in termini di ampliamento degli organici per gli Enti Locali, siano stati numerosi i confronti Comuni/Provincia.
“Un confronto – ha detto Gianmoena – che ha portato a una nuova delibera provinciale che accoglie buona parte delle richieste dei Comuni”.

Gianmoena ha aggiunto, ancora, come nei prossimi mesi sia prevista un’agenda di lavoro per adattare ulteriormente il modello alle esigenze dei Comuni in vista del 2022.
Gianmoena ha ringraziato tutti per il lavoro svolto e per i risultati raggiunti. “Si tratta di un buon punto di partenza – ha detto – grazie al lavoro della Giunta del Cal, del Consiglio e dei Sindaci sul Territorio, ma anche grazie alla disponibilità dell’Assessore provinciale agli Enti Locali Mattia Gottardi. Una delibera che va a premiare, non solo le gestioni associate esistenti, ma anche future, il che significa che viene premiato il principio collaborativo dello stare insieme”.
A entrare nel dettaglio è stato Mirko Montibeller, Sindaco di Roncegno e Assessore del Cal, che ha sottolineato come nel nuovo testo siano state inserite le indicazioni espresse nella nota a suo tempo inviata alla Provincia.

La delibera, datata 29 gennaio, nell’ultima versione, in discussione ieri, ha recepito una serie di indicazioni su cui ha lavorato la Giunta del Cal.
Nello specifico ha previsto, in aggiunta ai contenuti del testo iniziale, di:

premiare i Comuni sotto i 5000 abitanti aderenti alle gestioni associate, secondo modalità stabilite d’intesa tra la Giunta provinciale e il Cal;
completare le procedure concorsuali attivate negli anni 2020;

rivedere entro l’anno 2022 il modello delle dotazioni standard, tenuto conto dei servizi già organizzati secondo specifici standard;
neutralizzare gli effetti dei rimborsi in caso di gestione associata di servizi;

consentire ai Comuni fino a 1000 abitanti di arrotondare per eccesso gli standard previsti dal modello econometrico utilizzato per la definzione delle dotazioni.

Il Cal, nel corso della discussione, ha richiesto che sia possibile completare anche le procedure concorsuali avviate nell’anno 2019.
Da parte del Comun General de Fascia, inoltre, è emersa la richiesta di una valutazione da parte della Giunta Provinciale sulle esigenze di personale dallo stesso manifestate e sull’incompatibilità delle assunzioni richieste con le risorse dell’Ente, che vive di finanza derivata .
Gli Uffici del Consorzio dei Comuni Trentini stanno lavorando, già da oggi, in sinergia con la struttura provinciale per definire il testo dell’emendamento volto a recepire le istanze del Consiglio delle autonomie.

In tal senso l’Assessore Gottardi ha dato la disponibilità, considerata l’urgenza che i Comuni hanno di poter dotare la propria struttura di personale per affrontare l’emergenza in corso, a portare in aula in tempi brevissimi l’emendamento.

Nel proseguo dei lavori, Claudio Soini, Sindaco di Ala, è intervenuto sul tema del superbonus ed ha illustrato gli aspetti tecnici del DDL provinciale in corso di discussione, che permettono di snellire i procedimenti edilizi sottesi. Ha considerato che le osservazioni del Cal sono state in larga parte recepite dai Servizi provinciali.
Su questo tema è stato chiesto, riferendosi alla normativa nazionale, di poter in via eccezionale assumere personale tecnico a tempo determinato per aiutare i cittadini ad espletare le pratiche relative al Superbonus.

La Delibera
La delibera consente di assumere oltre 100 unità di personale già a partire dall’anno in corso e di aiutare i Comuni ad espletare le proprie funzioni.
Attualmente le Amministrazioni, anche alla luce dell’emergenza sanitaria e della loro funzione di presidio territoriale, hanno l’impellente necessità di adeguare gli organici, penalizzati negli anni scorsi dai vincoli sulle assunzioni.

Una pianta organica adeguata ed efficiente è, infatti, presupposto imprescindibile per consentire ai Comuni di garantire l’erogazione dei servizi.