«Quale futuro per Trento Expo?»

Intervista a Milo Marsilli - Presidente Keeptop fiere

“Cura Insieme”: due incontri per chi assiste un familiare anziano non autosufficiente. Il 30 ottobre e il 6 novembre, due serate per sensibilizzare e informare i “caregiver, promosse dal servizio socio assistenziale del Comun general de Fascia e dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

Sono dedicati a coloro che si prendono cura di familiari anziani non autosufficienti gli incontri di sensibilizzazione e informazione, del 30 ottobre e del 6 novembre (ore 20.30-22.30) nella “sala grana” del Comun general de Fascia, nell’ambito del progetto “Cura Insieme – percorso per caregiver familiari”. L’allungamento della vita media, ma anche l’elevata presenza nella popolazione anziana di patologie croniche e degenerative a prolungato decorso clinico, fanno sì che sempre più persone si debbano prendere cura di un familiare non autosufficiente.

Queste figure sono definite “caregiver” (colui che si prende cura, in inglese), termine sempre più di uso comune in Italia e che sottende al sostegno quotidiano di carattere sociale, psicologico, emotivo e fisico rivolto a chi non è autosufficiente o fragile. I caregiver familiari nel nostro Paese sono stimati in 9 milioni di persone (secondo recenti dati Istat). Di queste, il 90% sono donne (mogli, figlie, nuore del congiunto in difficoltà) ed hanno una funzione sociale rilevante, specie se si occupano di anziani affetti da demenze senili o da Alzheimer. La responsabilità assistenziale, psicologica ed economica che ricade sul caregiver è elevata e, a volte, è tale da produrre effetti negativi sulle condizioni delle persone che ne dipendono e sulle famiglie. È indubbio che siano necessari supporti specifici a favore dei caregiver, in primo luogo è necessario fornire informazioni e creare reti sul territorio per alleviare, per quanto possibile, il “carico” di chi si prende cura di un anziano malato.

Questi temi importanti sono al centro degli appuntamenti di “Cura Insieme”, promossi da Azienda provinciale per i servizi sanitari, servizio socio-assistenziali del Comun general, Fondazione Franco Demarchi e Upipa. In particolare, il 30 ottobre con il dottor Tiziano Gomiero e la dott.ssa Christina Rizzi, referente del gruppo di auto mutuo aiuto dei caregiver in Val di Fassa, si approfondisce la tematica dell’invecchiamento e dei bisogni delle persone anziane, riflettendo anche sul ruolo e sulle problematiche del caregiver.

Il 6 novembre, invece, la dott.ssa Rizzi con Cristina Rizzardi, assistente sociale area anziani del servizio socio assistenziale del Comun General e un infermiere delle cure primarie del territorio forniscono informazioni su politiche a supporto del benessere familiare, sui servizi e la rete presente sul territorio. Presente anche Mariano Rasom, operatore dello sportello territoriale provinciale, per il tema relativo alle agevolazioni fiscali e alle pratiche di invalidità. Moderatrici delle serate, la dott.ssa Paola Rasom, responsabile del Servizio socio assistenziale del Comun general, e Lucia Dellagiacoma, caposala delle cure primarie infermieristiche.

 

*

Comunicat stampa

“Cura Ensema”: doi scontrèdes per chi che
ge stèsc dò a n familièr de età che no pel per sé

Ai 30 de otober e ai 6 de november, doi seres de informazion per i “caregiver”, endrezèdes dal Servije sozio assistenzièl del Comun general de Fascia e da l’Azienda provinzièla per i servijes sanitères

Les é outes a duc chi che rencura na persona de cèsa de età che no pel per sé la scontrèdes de sensibilisazion e informazion dai 30 de otober e dai 6 de november (da mesa les nef enscin mesa les undesc da sera) te Sala grana del Comun General de Fascia, toutes ite tel projet “Cura Ensema – percors per caregiver familières”. La vita la se slongia tras de più e l’é semper più jent de età con malatìes croniches che va inant per sacotenc de egn, leèdes a la demenza: per chest cresc a dò a dò l numer de la persones che cogn se cruzièr de n familièr che no pel più per sé. Chesta fegures les vegn defenides “caregiver” (per ingleis, chel che rencura): na parola che oramai vegn durèda trop ence te la Tèlia e che la defenesc la persones che duc i dis ge sporc didament a chi che no pel per sé o che i à de besegn dal pont de veduda psicologich, emotif e fisich.

I caregiver familières te nosc Paìsc i é apresciapech 9 milions, aldò di ultimes dac ISTAT. De chisc, l 90% l’é eles (femenes, fies o nores del familièr con problemes) e les à na funzion sozièla de gran emportanza, soraldut se les se cruzia de jent de età che va en fantìa o che à l’Alzheimer. La responsabilità dal pont de veduda assistenzièl, psicologich e economich del caregiver la é zis grana e, vèlch outa, l’à efec negatives su la condizions de la persones che rencura e sun sia families. L’é segur che ge vel endrezèr n didament spezifich per i caregiver, dantdaldut ge sporjer la informazions che serf e enjignèr rees sul teritorie per slejierir, per chel che l’é meso, l peis de chi che rencura na persona de età malèda.

L’é apontin de chisc argomenc de emportanza che vegnarà rejonà ti apuntamenc de “Cura Ensema”, metui a jir da l’Azienda provinzièla per i servijes sanitères, dai Servijes sozio assistenzièi del Comun General, da la Fondazion Franco Demarchi e da Upipa. Ai 30 de otober l dotor Tiziano Gomiero e la d.ra Christina Rizzi, referenta del grop de didament anter i caregiver de Fascia, i rejonarà di problemes leé al vegnir veies e di besegnes de la jent de età, con na reflescion ence su la funzions e sui problemes di caregiver.

Ai 6 de november enveze la d.ra Rizzi, a una con Cristina Rizzardi, assistenta sozièla che se cruzia de la jent de età del Comun General de Fascia e a n infermier de la cures primères del teritorie, i sporjarà informazions dintornvìa i didamenc al benesser familièr, i servijes e la rei en esser te nosc raion. Tolarà pèrt ence Mariano Rasom, operador del portel teritorièl provinzièl, che l rejonarà di didamenc fiscai e de la pratiches per i pedimenté. Rejarà la scontrèdes la d.ra Paola Rasom, responsabola del Servije sozio assistenzièl del Comun General, e Lucia Dellagiacoma, caposala de la cures primères infermieristiches.