VIDEONEWS & sponsored

(in )

CARABINIERI TRENTO * CONCORSO: « 32 I POSTI RISERVATI AGLI ALLIEVI E ALLIEVE CHE ABBIANO CONSEGUITO L’ATTESTATO DI BILINGUISMO DI TEDESCO »

Reclutamento di 3.700 Carabinieri di cui 2.529 riservato ai volontari a ferma prefissato (VFP1 E VFP4).

1.139 riservato ai ragazzi che non abbiano superato il 26 anno di età;
32 posti riservato ai ragazzi che abbiano conseguito l’attestato di bilinguismo

È stato indetto il bando per il concorso pubblico, per titoli ed esami,  per il reclutamento di 3.700 carabinieri così ripartiti:

• 2.529 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato, ai sensi dell’articolo 703 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) e ai volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP4), in servizio.

• 1.139 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato, ai sensi degli articoli 703, 706 e 707, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, a coloro che non abbiano superato il ventiseiesimo anno di età; il limite massimo d’età è elevato a ventotto anni per coloro che abbiano già prestato servizio militare.

• 32 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato ai sensi del decreto legislativo 21 gennaio 2011, n. 11, ai concorrenti in possesso dell’attestato di bilinguismo di tedesco di cui all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 e successive modificazioni.

Il bando fornisce una possibilità in più per le nostre ragazze e i nostri ragazzi che vogliono mettersi al servizio del prossimo, entrando a far parte dell’Arma dei Carabinieri, trasformando la loro passione e determinazione in valori solidi e solidali al servizio della comunità dell’Alto Adige.

Infatti, anche questa volta l’Arma dei Carabinieri ha a cuore il nostro territorio e la sua Autonomia e specificità: sono previsti 32 posti per i ragazzi che sono in possesso di bilinguismo.

Segno evidente la particolare attenzione che il Comando Generale pone nei confronti della nostra Regione, il Trentino Alto Adige, rispettando le sue peculiarità e la sua cultura.

Link