News immediate,
non mediate!

APT DOLOMITI PAGANELLA (TN) * ESTATE 2020: « FLUSSI TURISTICI DA MAGGIO A SETTEMBRE, 122.420 GLI ARRIVI E 594.734 LE PRESENZE »

Scritto da
14:21 - 23/10/2020

La stagione estiva è stata profondamente segnata dalla Pandemia COVID-19, che ne ha ritardato l’inizio rispetto agli standard della destinazione. Si sono persi totalmente il mese di aprile e maggio ed è stato fortemente compromesso il mese di Giugno. Solo a luglio sono ripartiti flussi consistenti.

 

I turisti italiani in termini di arrivi sono aumentati, colmando in parte la grande assenza degli stranieri che ha risentito pesantemente della situazione, così come sono aumentati gli affitti negli appartamenti e l’utilizzo delle seconde case.

Un’estate “sospesa” nella pandemia ha reso le vacanze ancora più spezzettate, più corte, ma ha aumentato la frequenza dei viaggi.

La Paganella ha attratto tanti “nuovi” ospiti, la montagna in generale ha ispirato sicurezza ed ha avvicinato nuovi target di clienti che probabilmente non ci avrebbero scelto. Questo è un dato certamente positivo perché arricchisce il bacino di potenziali turisti, ma fa anche riflettere sul profilo di questi ospiti che spesso si sono trovati impreparati.

Sulle motivazioni di vacanza possiamo confermare una forte attrattiva del prodotto family che ha tenuto molto bene confermandosi come elemento determinante.

La vera soddisfazione emerge dal segmento outdoor, ed in particolare da quello bike, che ha registrato tassi di crescita molto importanti, dato ulteriormente positivo se consideriamo la quasi assenza dei mercati esteri. Questo ci fa pensare che gli investimenti della località nel settore stanno portando risultati molto positivi. Le stesse guide del territorio confermano una richiesta di approccio outdoor a livelli più alti rispetto alle precedenti stagioni estive.

Un altro dato che desideriamo sottolineare è che la percezione della sicurezza da parte degli ospiti sulla gestione della diffusione del virus è stata molto alta. Non sono mancati tuttavia alcuni aspetti critici che sfrutteremo per migliorare l’offerta invernale.

Già in primavera durante il lockdown come APT abbiamo cercato di immaginare e pianificare diversi possibili scenari della stagione estiva, preparando la destinazione alla flessibilità e alla reattività. Il grande lavoro di squadra di tutti gli attori del territorio, sia pubblici, che privati è continuato poi nel corso della stagione, confermando che il “SISTEMA” Dolomiti Paganella si è dimostrato forte, compatto e coeso, anche durante questo difficile momento.

Possiamo notare come la stagione si è chiusa con uno scenario tutto sommato buono e sicuramente migliore rispetto alle prospettive di inizio estate, quando si temevano perdite ben più consistenti.

*

DOLOMITI PAGANELLA BIKE

Ci preme soffermarci sui numeri dei bikers, che da giugno a settembre, pur con la quasi assenza di stranieri, hanno confermato gli stessi flussi della stagione 2019, una stagione da record, con importanti impatti economici per impianti di risalita, rifugi, noleggi e guide.

COSA POSSIAMO IMMAGINARE PER L’INVERNO

Ad oggi la situazione è di forte incertezza e in continua evoluzione.

Realisticamente soprattutto all’inizio della stagione mancheranno i turisti stranieri dalla Polonia e Repubblica Ceca, che rappresentano il 23% sulle presenze invernali, un numero più basso in Paganella rispetto ad altre località trentine.

Sicuramente la presenza di turisti Italiani potrebbe essere influenzata da restrizioni alla mobilità, nuove regole, difficoltà economiche e timori per gli assembramenti.

Sarà quindi necessario essere reattivi per delineare strategie ed azioni, lavorare in maniera compatta come sistema. Sono quindi in programma vari incontri per tracciare una linea unica e mettere in campo tutte le azioni possibili per rendere la vacanza invernale più sicura, riducendo code, assembramenti e cercando di digitalizzare il più possibile l’accesso ai servizi. I nuovi protocolli su impianti, scuole sci, hotel etc. non sono ancora stati definiti dall’Azienda Sanitaria.

La nostra campagna di comunicazione verterà sulla centralità dell’ospite, che più che mai collaborerà con la località per creare insieme una situazione sicura. L’ospite sarà inoltre stimolato a arricchire la vacanza invernale avvicinandosi a nuove esperienze “outdoor” e a contatto con la natura.

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2020/10/Report-Estate-2020-presentazione-per-stampaDEF.pdf” title=”Report Estate 2020 (presentazione per stampa)DEF”]
Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.