VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

UIL TRENTINO * INFORTUNI LUOGHI LAVORO: ALOTTI, “ OGGI ANCORA UN GRAVE INCIDENTE, SI CONVOCHI IMMEDIATAMENTE IL COMITATO PROVINCIALE DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE E SICUREZZA “

Ancora un grave infortunio e incidente sul lavoro in Trentino. La Uil: si convochi immediatamente il Comitato provinciale di Coordinamento per la salute e sicurezza sul lavoro, da troppo tempo inattivo per tutte le vicende extra covid.

Ne ha parlato anche il Presidente della Repubblica Mattarella, nei giorni scorsi, di sicurezza sul lavoro, dopo l’ennesima tragedia nel modenese ed il trend di aumento di infortuni, legato certamente alla ripresa delle attività economiche.

Il Segretario della UIL del Trentino Walter Alotti, alla luce del grave infortunio occorso ad un giovane lavoratore in Valsugana, e dei 5 infortuni mortali 2021, chiede l’immediata convocazione del Comitato provinciale per il coordinamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro, prevista in via ordinaria trimestralmente, ed in realtà non più effettuata da mesi, fatta eccezione per la vicenda Covid e dell’esame di diversi protocolli di comportamento in presenza del virus sui posti di lavoro, protocolli sostanzialmente ora assorbiti dai DPCM via via emanati dal Governo statale.

La Uil chiede un report della situazione infortuni a tutt’oggi e che sia data informativa al Comitato stesso sulla decisione della Giunta Fugatti di affidare la materia di prevenzione e vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro al Dipartimento sviluppo economico, ricerca e lavoro, trasferendola dal Dipartimento salute e politiche sociali. Una decisione certamente legittima che comunque cozza, a parere del Segretario Generale della Uil del Trentino, con la necessità di mantenere e vigilare sugli aspetti relativi alla prevenzione della salute, funzione presidiata e finanziata dal Dipartimento salute e politiche sociali che garantisce anche l’operatività dell’Uopsal e resta collettore delle risorse raccolte con le sanzioni e multe da destinarsi alla prevenzione degli infortuni sul lavoro.

La Uil chiede infine che il Comitato provinciale ragioni e si esprima, anche se trattasi di materia da contrattazione sindacale, circa la proposta di attivazione, anche nel comparto edile, dei Rappresentanti territoriali dei lavoratori per la sicurezza, figura prevista in tutte le aziende dal D.Lgs. 81/08, ma non attuata, nel comparto edile.

 

#ZEROMORTISULLAVORO Nessuno può esimersi dal lavorare per la vita e per evitare che qualcuno, quella vita, la perda sul lavoro.