News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

SALUTE: IPASVI, PER GLI ASSISTENTI SANITARI LA VACCINAZIONE È UN ATTO SOCIALE

Scritto da
18.12 - sabato 22 aprile 2017

(Fonte: Ipasvi) –  L’Associazione trentina degli assistenti sanitari (Asnas) – iscritti al Collegio Ipasvi – esprime preoccupazione per i recenti fatti di cronaca legati al delicato tema delle vaccinazioni. “Il calo delle coperture vaccinali mette in allarme gli operatori sanitari non solo per il rischio individuale di malattia, ma anche per la possibilità concreta che, venendo meno l’immunità di gruppo, riemergano patologie da tempo considerate debellate”, spiega la presidente della sezione trentina Asnas, Valeria Gorga.

Vaccinarsi non è quindi solo una questione individuale, bensì un atto sociale che ha come obiettivo l’eradicazione delle malattie infettive.

In Trentino, la maggior parte dei 60 assistenti sanitari lavora nei servizi vaccinali, garantendo la copertura di circa 4.500 mila nati ogni anno. “Il personale sanitario si impegna quotidianamente per favorire una scelta consapevole. Il problema è che in Internet i pareri di professionisti qualificati hanno lo stesso valore di quelli scritti da chi non è competente e questo ostacola non poco l’adesione ai vari programmi individuati dal Ministero della Salute”, sottolinea Gorga.

Il Report 2016 dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari riporta che in Trentino le coperture vaccinali per polio, difterite, tetano ed epatite B hanno registrato valori inferiori agli obiettivi fissati dal Piano Nazionale Vaccini (95%). “I vaccini sono vittime del loro successo.

Nei genitori di oggi non esiste più una chiara percezione del rischio legato alle conseguenze delle malattie infettive, scomparse proprio grazie alle vaccinazioni. È così che si enfatizzano gli effetti indesiderati a scapito del loro indiscusso vantaggio”, è l’analisi della presidente.

 

*

Assistente sanitario: chi è?

Il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019 indica l’assistente sanitario come figura primaria per garantire l’offerta gratuita delle vaccinazioni: questo professionista, in possesso della laurea triennale abilitante e dell’iscrizione all’albo professionale Ipasvi, è addetto alla prevenzione, alla promozione e all’educazione sanitaria.

L’Associazione Nazionale Assistenti Sanitari (Asnas) è l’unica associazione riconosciuta fin dal 2005 come maggiormente rappresentativa per la professione a livello nazionale con decreto ministeriale.

 

 

 

In allegato il comunicato stampa:

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/04/cs_vaccinazioni.pdf”]

 

 

 

 

Foto: da comunicato stampa (Valeria Gorga, presidente della sezione trentina Asnas)

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.