VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

OMICIDIO BARDELLA: POLIZIA STATO, CÂNDIDO BEZERRA ARRESTATO A RIO DE JANEIRO

(Fonte: Polizia di Stato) – L’ufficiale di Collegamento a Rio de Janeiro ha comunicato al Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia – Scip del Dipartimento di Pubblica Sicurezza che, che proprio a Rio nel corso di una operazione congiunta della polizia civile e militare dello Stato di Rio de Janeiro, il Battaglione di  Choque ha arrestato, nella flagranza dello spaccio di stupefacenti, nella favela dos Prazeres, Marcos Elias Cândido Bezerra, uno dei soggetti ricercati per aver partecipato, nello scorso dicembre, all’omicidio del nostro connazionale Roberto Bardella.

Bardella e Rino Polato, due motociclisti jesolani per errore erano entrati nella favela “Morro dos Prazeres”, a Rio de Janeiro ed erano stati rapinati e poi sequestrati. Purtroppo il povero Bardella era rimasto ucciso .

Gli autori erano stati velocemente identificati e circa un mese fa, a Cabo Frio, era stato arrestato il primo dei ricercati, Marcos Vinicius Paolo de Oliveira .

A seguito del suo interrogatorio sono state acquisite notizie che hanno fatto scattare l’operazione l’altro ieri notte in più Comunità, ed anche nella favela Dos Prazeres.

Lo Scip della Criminalpol, l’Ufficio italiano diretto da Gennaro Capoluongo che coordina le attività operative all’estero e che gestisce la rete degli Esperti per la Sicurezza del Dipartimento di Ps, e il Sostituto Commissario della Polizia di Stato Roberto Donati, di stanza a Rio de Janeiro, non hanno mai allentato la presa per assicurare alla giustizia tutti gli autori dell’ efferato omicidio che ha scosso anche l’opinione pubblica brasiliana.

“L’arresto di Candido Bezzerra, come sottolinea il Direttore del Servizio di cooperazione internazionale della Polizia Dr. Capoluongo, è un ottimo risultato operativo che conferma 4 elementi: I latitanti vengono presi tutti, prima o poi; l’importanza della cooperazione internazionale nelle indagini e operazioni di polizia che hanno ormai quasi sempre risvolti transnazionali; l’efficienza del “sistema sicurezza paese ” che con la Soi – Sala Operativa Internazionale dello Scip – sempre online h 24 – 7/7 -permette lo scambio info investigativo in tempo reale con tutti gli altri paesi del mondo; l’efficacia operativa e tecnica della rete di Esperti per la Sicurezza de Dipartimento di P.S. – presenti in oltre 50 paesi. Con il Brasile poi il rapporto è tradizionale e consolidato – tra l’altro l’arresto del boss andranghetista Vincenzo Macri proprio ieri all’aeroporto di San Paolo conferma assolutamente questo. Noi Non molleremo la presa per assicurare alla giustizia gli altri autori dell’omicidio di Roberto Bardella”