News immediate,
non mediate!

Trento: Festival Economia 2024 – Fabio Tamburini Direttore Sole 24 Ore

Gianpiero Lui – Candidato sindaco Rovereto (Tn)

Categoria news:
OPINIONEWS

LAV – LNDC – WWF * GRANDI CARNIVORI: « SALVA L’ORSA F36, CANCELLATA LA VENDETTA DI FUGATTI »

Scritto da
15.39 - lunedì 11 settembre 2023

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota inviata all’Agenzia Opinione) –

///

 

L’ordinanza pubblicata oggi dal Tar di Trento svuota di ogni senso la campagna persecutoria di Fugatti nei confronti degli orsi: F36 non può essere uccisa ed è salva fino a prossima decisione del TAR collegiale.

Purtroppo, però, allo stesso tempo il Presidente del TAR, Fulvio Rocco, dispone che l’orsa possa essere catturata e rinchiusa al Casteller, in attesa della decisione che sarà presa nella Camera di Consiglio prevista per il prossimo
12 ottobre.

“Siamo estremamente felici di aver salvato F36 dall’esecuzione – dichiarano LAV, Lndc Animal Protection e WWF – anche se riteniamo non giustificato il ricorso alla sua cattura e traduzione nel carcere del Casteller, soprattutto leggendo le motivazioni addotte dallo stesso TAR.”

Il Decreto del Presidente del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento rappresenta in effetti una vera e propria svolta nella valutazione del rapporto tra umani e orsi in quella Provincia.

Al punto 2.2 si legge infatti testualmente che “secondo la stessa ricostruzione dei fatti proposta agli agenti del Corpo Forestale Provinciale da parte delle due persone coinvolte, le stesse non si sono attenute alle regole ampiamente diffuse dalla stessa Amministrazione Provinciale in caso di incontri con orsi”: vengono così finalmente introdotti elementi di valutazione di quanto accaduto che non riguardano solo ed esclusivamente il comportamento dell’orso, come invece sempre fatto dalla provincia di Trento fino a oggi. Il TAR ha acceso un faro anche sui comportamenti adottati dalle persone coinvolte, che in effetti avrebbero reagito alla presenza dell’orsa accompagnata dal suo piccolo, in maniera errata perché, “anziché arretrare lentamente, si sono messi a correre, all’evidenza dimentichi che la velocità dell’orso è di gran lunga superiore a quella umana e che anche l’orso può agilmente arrampicarsi sugli alberi”.

Alla luce di queste evidenze il TAR di Trento deduce che anche il primo incidente deve essere derubricato a falso attacco, come dimostrato dal comportamento dell’orsa che, una volta che la persona rifugiatasi sull’albero è caduta, si è allontanata senza aggredirla.

Ulteriore elemento che si ricava dalla lettura del Decreto Presidenziale è l’utilizzo non corretto che il Presidente Fugatti fa della documentazione scientifica, come il documento ISPRA che analizza la popolazione di orsi trentini, per sostenere le sue ordinanze “ammazza-orsi” attraverso “l’artato travisamento di determinate circostanze fattuali e l’arbitraria interpretazione delle norme contenute nel PACOBACE in modo da sostanzialmente ricondurre qualsivoglia incontro casuale tra uomo ed orso ad un’ipotesi ex se legittimante l’abbattimento di quest’ultimo”.

Viene così sostanzialmente smascherata – se ancora ce ne fosse bisogno – la tattica di Fugatti finalizzata ad utilizzare strumentalmente la questione legata alla sicurezza dei cittadini al solo scopo di ottenere consenso.

“Non possiamo comunque accettare che l’orsa F36, che ora è radiocollarata e della quale se ne può quindi conoscere la posizione in ogni istante, venga catturata e rinchiusa al Casteller – concludono le associazioni – per questo motivo e con l’assistenza dei nostri legali Michele Pezone e Paolo Latrari
iamo già lavorando a una diffida perché l’orsa sia lasciata in libertà. La cattura con captivazione, stante anche l’interpretazione del giudice, non ha molto senso di essere applicata, anche considerate tutte le conseguenze del caso. Infatti, anche se si trattasse di una cattura con captivazione temporanea fino al 12 ottobre (data in cui il TAR si esprimerà in merito), le conseguenze sul benessere psico-fisico dell’animale e le conseguenti difficoltà per un reinserimento in natura dovrebbero essere tenute fortemente da conto. Un animale che viene rinchiuso un mese o più in un piccolo recinto rischia di sviluppare comportamenti stereotipati a causa dello stress. A questo va poi aggiunta la questione “cucciolo”. Infatti, F36 ha con sé un cucciolo dell’anno. La scomparsa temporanea o definitiva della madre può avere le stesse conseguenze che andiamo ipotizzando per i cuccioli di Amarena”.

Categoria news:
OPINIONEWS
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.