VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CONSIGLIO PAT * LAVORI ASSEMBLEA: « DOMANI IN AULA PER DDL DELL’ASSESSORE TONINA A FAVORE DELL’EDILIZIA SOSTENIBILE »

Il presidente Kaswalder ha convocato in aula solo domani il Consiglio provinciale (in allegato, l’ordine del giorno) per esaminare e approvare rapidamente un disegno di legge della Giunta e condiviso anche​ dalle minoranze a firma dell’assessore Tonina, dedicato al tema dell’edilizia sostenibile. Obiettivo: sgravare di adempimenti i Comuni per snellire le procedure senza rinunciare ai ​controlli. Il testo modifica una norma dell’ultima finanziaria (la 15 del 2020) in modo da rinviare l’applicabilità dell’articolo 86 della legge urbanistica provinciale del 2008, semplificare e velocizzare le procedure favorendo l’avvio dei progetti di riqualificazione energetica delle abitazioni. Il provvedimento, al quale i capigruppo hanno accordato la procedura d’urgenza, è già stato approvato all’unanimità dalla III Commissione che ha accolto a pieni voti anche due emendamenti presentati dall’assessore Tonina,

A seguire i lavori, che inizieranno alle 10, proseguiranno con la discussione di 21 interrogazioni scritte che non hanno ricevuto risposta dalla Giunta e si dovrebbero concludere con una comunicazione dell’esecutivo sull’andamento degli infortuni sul lavoro chiesta come prima firmataria da Sara Ferrari (Pd) e sottoscritta da altri consiglieri di minoranza.

Ad oggi, collegata a questa comunicazione, risulta depositata una risoluzione proposta da Giorgio Tonini (Pd) e firmata oltre che dai consiglieri del suo gruppo anche da Zanella, Coppola, Demagri, Marini e Rossi. Il documento impegna la Giunta in cinque direzioni: 1. a richiedere all’Azienda Provinciale per i Servizi sanitari di finanziare le attività del Dipartimento di Prevenzione; 2. a creare un Fondo dedicato alla salute e sicurezza sul lavoro per garantire un ulteriore sostegno socioeconomico ai lavoratori infortunati o agli affetti da malattie professionali; 3. a garantire la formazione, l’acquisto di strumentazione, dotazioni personali e riconoscimento della responsabilità al personale operante presso l’U.O. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro; 4. a implementare sul territorio provinciale iniziative di informazione e formazione a favore delle imprese e dei lavoratori trentini con particolare attenzione alle piccole e medie imprese; 5. intervenire sulla formazione all’utilizzo di macchine che non necessitano di abilitazione ai sensi degli accordi Stato – Regioni e Province Autonome del 2012 per garantire percorsi di accreditamento provinciale degli Enti privati e sulle modalità di progettazione dei corsi. ​