VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CONSIGLIO PAT * ASSEMBLEA GECT EUREGIO: « LA CONFERENZA DEI CAPIGRUPPO HA INDICATO I NOMI DI DALZOCCHIO (PER VOLONTÀ DELLA MAGGIORANZA) E COPPOLA (COME SOSTITUTA) »

Un decreto del presidente Walter Kaswalder stabilirà a breve – come hanno già provveduto a fare Bolzano e Innsbruck – il nome del consigliere provinciale destinato a integrare l’Assemblea del Gect Euregio. Lo scorso 22 agosto la sua composizione è stata infatti ampliata da 4 a 5 membri: il presidente della Provincia, un assessore provinciale, 3 e non più 2 consiglieri provinciali (tra cui il presidente dell’assemblea legislativa). La Conferenza dei capigruppo riunita oggi pomeriggio ha fatto emergere la volontà della maggioranza politica consiliare di indicare la capogruppo di Lega Salvini Trentino (e la consigliera verde del Gruppo Misto come sua sostituta), non secondariamente anche per una questione di genere sottoscritta un po’ da tutti i capigruppo.

Parte delle minoranze consiliari oggi hanno invece espresso disagio per il fatto che a rappresentarle nel Gect Euregio rimane un solo consigliere, oggi assessore regionale e quindi non più completamente estraneo al fronte politico di maggioranza. La capogruppo del Pd si è anche resa disponibile per entrare nell’organismo transfrontaliero. La capogruppo del Patt – in cui milita l’assessore regionale in questione – ha dal canto suo difeso il ruolo dell’attuale membro nell’assemblea Gect, visto che non presenta alcun profilo di incompatibilità con la carica assunta nella Giunta regionale.

La capogruppo del Pd oggi ha ricordato di avere sollecitato una discussione in III Commissione consiliare attorno alla variante generale al Pup che verrà presto esaminata e discussa in Consiglio provinciale. Ad oggi non risulta una disponibilità dell’assessorato competente a portare il tema in questa sede. Il consigliere di Futura 2018 ha chiesto che l’importante documento approdi in aula consiliare a fine ottobre, ossia a ridosso della scadenza ultima per questo passaggio (4 novembre), dando così tutto il tempo ai consiglieri di analizzare le osservazioni che verranno entro il 2 ottobre dai Comuni e dalle Comunità. Se ne discuterà nella capigruppo del 28 settembre, posto che l’attuale orientamento della Presidenza sarebbe quello di inserire invece l’argomento nell’ordine del giorno della tornata d’aula del 5-6-7 ottobre prossimi.