COMUNE DI TRENTO * CONTRASSEGNO DISABILI: ” SEMPLIFICATO IL CODICE IDENTIFICATIVO DEL PERMESSO “

Contrassegno disabili, semplificato il codice identificativo del permesso. E’ stata semplificata la numerazione riportata nel contrassegno per disabili. Ora il programma Kyunsys (che genera il codice) è stato modificato e attualmente il contrassegno riporta solo la data di scadenza e le ultime 6 cifre con il solo progressivo numerico.

Precedentemente la stringa numerica costituiva un “virtual tag” contenente una serie di informazioni che avrebbero consentito di distinguere ogni permesso dagli altri (es. il Comune di rilascio, il tipo di permesso, la data di rilascio, il numero progressivo, ecc.) in caso di implementazione di una banca dati nazionale o comunque sovracomunale.
Questa semplificazione consentirà agli utenti una maggiore chiarezza e semplicità qualora dovessero comunicare il loro identificativo quando si recano nelle zone a traffico limitato di altri comuni.

Ad oggi sono 2388 i permessi permanenti in corso di validità e 102 i permessi temporanei rilasciati nel Comune di Trento. In occasione dell’avvio dei varchi elettronici avvenuta nell’agosto 2017 tutti i possessori di permesso erano stati avvisati con lettera della possibilità di comunicare i numeri delle due targhe più frequentemente utilizzate, che sono state inserite nel database, per semplificare le modalità di accesso alla Ztl.

Praticamente tutti i disabili di Trento hanno comunicato le targhe. Nel Comune di Trento, nella realizzazione dei permessi, si è optato per l’ologramma, visto che non esistono ancora sistemi di lettura del microchip unici per tutto il territorio nazionale. Per semplificare la procedura di accesso in whitelist sono stati inseriti anche i numeri di targa di tutti i disabili non residenti che abitualmente frequentano la città.

A questi si aggiungono infine gli invalidi che occasionalmente accedono alla Ztl, per i quali è stato predisposto un apposito modulo per la comunicazione della targa. Oltre ai permessi per invalidi rilasciati dal Comune di Trento, attualmente la white list conta pertanto anche circa 2000 ulteriori permessi provvisori per disabili non residenti caricati dall’inizio dell’operatività dei varchi elettronici fino ad oggi.