News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

CGIL (FILCAMS) – CISL (FISASCAT) UIL – (TUCS) / TRENTINO * GREEN PASS: « IL VACCINO È ATTO DI RESPONSABILITÀ COLLETTIVA, UNICO STRUMENTO CHE METTE IN SICUREZZA SALUTE E LAVORO »

Scritto da
12.56 - giovedì 14 ottobre 2021

Vaccino è unica strada per mettere in sicurezza salute e lavoro. Sindacati: commercio, servizi e turismo hanno pagato un prezzo altissimo per la pandemia. Pieno sostegno a tutti i lavoratori e le lavoratrici, dai servizi essenziali alle farmacie, in prima linea per non bloccare l’economia.

Sono ore frenetiche nei posti di lavoro per l’ormai imminente entrata in vigore dell’obbligo di green pass. Nel terziario la situazione appare sotto controllo, anche se non manca la preoccupazione per l’impatto delle nuove regole sui lavoratori dei servizi essenziali e delle farmacie. “Indubbiamente nei prossimi giorni ci saranno settori sotto pressione – ammettono i segretari generali di Filcams, Fisascat e Uiltucs, Paola Bassetti, Lamberto Avanzo e Walter Largher -.

Pensiamo a chi opera in appalto nelle mense, nelle pulizie o, peggio, a chi da oggi è in prima linea nelle farmacie per garantire i tamponi. Sono lavoratori e lavoratrici che si faranno carico di una mole importante di lavoro e, responsabilmente, anche dei disagi che potrà provocare l’assenza di chi non possiede il certificato verde. In particolare facciamo appello a tutto il mondo del lavoro perché eventuali disagi non diventino strumento per scaricare tensioni su chi è consapevolmente a lavoro”.

Le tre sigle sindacali dunque insistono sull’importanza di vaccinarsi. “Il vaccino è un atto di responsabilità collettiva. L’unico strumento ad oggi che può mettere in sicurezza la salute e il lavoro. Lo diciamo con cognizione di causa pensando quanto accaduto nell’ultimo anno e mezzo e al prezzo altissimo che hanno dovuto pagare il turismo, il commercio, i servizi”.

Bassetti, Largher e Avanzo ricordano che nell’inverno scorso con l’arrivo delle prime fiale si sono battuti perché il personale delle pulizie negli ospedali potesse accedere al vaccino in via prioritaria. E allo stesso tempo ricordano gli addetti dei supermercati che hanno lavorato giorno dopo giorno, anche in pieno lockdwon, con timori altissimi per la loro salute. “Per quanto ci riguarda la nostra linea non cambia.

La vaccinazione e il rispetto delle misure di sicurezza restano l’unica strada per tornare alla normalità. E va riconosciuta la responsabilità della maggioranza dei lavoratori e delle lavoratrici che dotandosi della certificazione verde stanno facendo la loro parte. Ognuno è libero di scegliere, ma non possiamo accettare chi tenta di imporre con arroganza e violenza la propria idea. Anche per questo saremo convintamente alla manifestazione di sabato pomeriggio a Roma”, concludono i tre segretari provinciali che auspicano che nel più breve tempo possibile si torni a discutere dei temi che impattano sulla vita dei lavoratori e delle lavoratrici, dallo sblocco dei licenziamenti alla contrattazione che deve ripartire per dare risposte dopo la contrazione dei redditi e alla luce dell’impennata dei prezzi.

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.