INTERVISTA AL SEGRETARIO UIL FPL SETTORE SANITÀ TRENTO

GIUSEPPE VARAGONE

Focus su: Assunzioni - Contagi covid - Presidio - Contratto - Apss

***

INTERVISTA AL SEGRETARIO UIL DEL TRENTINO, WALTER ALOTTI

Focus su: Bilancio Pat - Partecipate Pat

I ballottaggi di domenica 4 ottobre hanno dato un esito inequivocabile: la destra sta arretrando ovunque. È confermata la tendenza resa visibile con la vittoria di Trento. Ad Arco e Rovereto non c’è stata partita. Le due città hanno riconfermato i sindaci uscenti con un voto plebiscitario. Merito della loro credibilità, dei programmi messi in campo, delle donne e degli uomini che componevano le liste delle coalizioni.

Grazie Valduga e grazie Betta! Grazie ai candidati e alle candidate, a tutti e tutte quanti e quante si sono impegnate per questi successi straordinari. Grazie soprattutto ai cittadini e alle cittadine che hanno premiato un lavoro cominciato da più di un anno. I nostri eletti e le nostre elette garantiranno alle maggioranze di cui fanno parte un sostegno leale e esigente, portando anche quella carica innovativa che ci contraddistingue.

FUTURA è stata sempre presente in questa partita e si dimostra una realtà stabile e di governo in tre importantissime città del Trentino: siamo una forza attiva dentro il Consiglio provinciale, i consigli comunali e i consigli circoscrizionali. Abbiamo avuto il coraggio di esserci e ci siamo.

A testa alta affrontiamo anche la sconfitta a Riva, per una manciata di voti. In questo caso più che la destra, si afferma una compagine messa insieme all’ultimo solo per ottenere una risicatissima e incerta vittoria. La nuova amministrazione rivana non durerà, troppo diversa al proprio interno. FUTURA si farà sentire punto su punto impedendo di farsi strada a ogni deriva reazionaria. Saremo sul territorio, staremo nelle piazze, incontreremo le persone per una rivincita che arriverà prima di quello che si crede.

I successi non vengono a caso ma sono frutto di un lavoro paziente e silenzioso che come FUTURA portiamo avanti dall’estate 2018, rimettendo al centro la partecipazione e costruendo fiducia nelle comunità locali in cui siamo attivi. Questo fa di noi oggi un punto di riferimento necessario non solo per costruire alleanze di centrosinistra competitive in tutto il territorio provinciale ma soprattutto per dare slancio alle visioni di futuro che siamo chiamati a interpretare con responsabilità.

 

*

Il Consiglio direttivo di FUTURA partecipazione e solidarietà