VIDEONEWS & sponsored

(in )

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO * GIUNTA AL MART: « PER L’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA DEDICATA A CARAVAGGIO CONSEGNATA A SGARBI UNA TARGA REALIZZATA DA WINKLER »

Oggi la Giunta provinciale si è riunita al Mart. Per l’inaugurazione della mostra dedicata a Caravaggio consegnata a Sgarbi una targa realizzata da Winkler.

Il tradizione incontro del venerdì della Giunta provinciale di Trento si è tenuto al Mart – Museo di Arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, un’occasione per partecipare all’inaugurazione della mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”.

Nel corso della cerimonia il presidente Maurizio Fugatti ha consegnato al presidente del Museo, Vittorio Sgarbi, una targa, raffigurante l’Aquila di San Venceslao che è il simbolo della Provincia, realizzata dall’artista e scultore trentino Othmar Winkler. “Vogliamo ringraziarti per l’instancabile impegno nella valorizzazione del patrimonio artistico trentino – sono state le parole del presidente Fugatti nell’assegnare il riconoscimento al presidente del Mart – e per quanto hai fatto per donare questa mostra alla comunità, non è stato facile ma ci hai creduto e insieme abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo posti, quello di portare le persone a visitare questa mostra e, più in generale, il Trentino. Grazie davvero per la tua tenacia e generosità”.

Il presidente Fugatti ha voluto anche ringraziare il presidente della Regione Sicilia Musumeci, perché “senza la sua disponibilità non sarebbe stato possibile portare il quadro di Caravaggio in Trentino”, e il Ministero degli Interni. La mostra è frutto infatti di una sinergia di enti e soggetti diversi, come messo in luce anche dall’assessore provinciale alla cultura Mirko Bisesti: “I nostri spazi culturali sono i luoghi dai quali ripartire in questo anno dominato dalla pandemia da Coronavirus – ha commentato a sua volta Bisesti -. La mostra che stiamo inaugurando nasce da un lavoro di concerto fra istituzioni diverse, è stata una sfida artistica e culturale importante ed è una grande emozione poterla finalmente vedere”.
Sul palco anche il sindaco di Rovereto Francesco Valduga e il capo del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno Michele di Bari, fra le tante autorità presenti anche l’architetto Mario Botta.