VIDEONEWS & sponsored

(in )

ONDA CIVICA TRENTINA * SAIT E PANIFICATORI: « SIAMO ALLIBITI DALLA PROTESTA DELLA LEGA FUORI DAL COMUNE DI TRENTO »

Caso ‘SAIT e panificatori’: allibiti dalla protesta della Lega fuori dal Comune. Gestione assessorato provinciale della cooperazione in mano al centro–destra Non possiamo che definirci ‘allibiti’ per la protesta messa in atto dai rappresentanti comunali e provinciali della Lega Nord Trentino, in merito al caso SAIT.

Come noto, anche attraverso le notizie date dai diversi organi di stampa, il Consorzio delle Cooperative di Consumo Trentine ha deciso di interrompere il rapporto di fornitura del pane con 10 panificatori trentini, indicandone uno solo come incaricato a svolgere la suddetta funzione. Una scelta improvvisa e inaspettata, che mette a rischio numerosi posti di lavoro, contestata fortemente dal Consiglio direttivo dell’Associazione Panificatori ed in particolare dal presidente Emanuele Bonafini. A sostegno della causa dei panificatori sono scesi in campo i rappresentanti comunali e provinciali della Lega Nord Trentino, che nella mattinata dello scorso 13 maggio, fuori dalla sede del Comune di Trento, hanno manifestato il proprio dissenso nei confronti di tale situazione.

In particolar modo, la consigliera Bruna Giuliani ha evidenziato come “SAIT ha tradito lo spirito della cooperazione, ma anche disatteso il protocollo provinciale a protezione dei prodotti trentini ed a chilometro zero”; dichiarazioni alle quale hanno fatto eco quelle del candidato Sindaco Alessandro Baracetti, che ha ‘bocciato’ la scelta di SAIT sotto il profilo etico e morale (per entrambe le dichiarazioni si veda giornale Il Trentino, edizione del 14 maggio 2020). Ciò che ci lascia quantomeno perplessi è il fatto che la suddetta manifestazione sia avvenuta nonostante l’assessorato provinciale alla cooperazione sia attualmente in mano proprio ad un esponente del centro-destra.

Precisamente l’assessore Mario Tonina, il quale già pochi giorni fa aveva evidenziato come “La scelta sia avvenuta in un momento difficile per gli artigiani del pane” e come questo tipo di comportamento “Non rappresenti lo spirito cooperativo” (giornale Il Trentino, edizione del 9 maggio 2020). A tal proposito era inoltre intervenuto anche il consigliere provinciale di Onda Civica Trentino Filippo Degasperi, evidenziando come “Invece di fare autocritica, interrogandosi sulle proprie difficoltà a incidere sulla realtà, ci si limita a prendere di mira la dirigenza del SAIT”, rivolgendosi infine direttamente alla Giunta provinciale, sottolineando come “Alle belle parole devono seguire i fatti, perché se le cose stanno così allora resta ben poco oltre ai proclami e agli articoli di legge scritti per tutelare i prodotti e le valli del Trentino. Altro che sostenere i più deboli: serve porre l’attenzione sulle origini di questa deriva, piuttosto che lamentarsi con SAIT per la presa di simili decisioni” (giornale l’Adige, edizione del 12 maggio 2020).

 

*

Ing. Andrea Maschio
Capogruppo Onda Civica Trentino nel Comune di Trento