News immediate,
non mediate!

Gianpiero Lui – Candidato sindaco Rovereto (Tn)

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

LE IENE * IL CASO DI MARIAM: LA 18ENNE ITALIANA MORTA A NOTTINGHAM DOPO UN’AGGRESSIONE, INCHIESTA DI PABLO TRINCIA

Scritto da
16.35 - sabato 17 marzo 2018

Domani, domenica 18 marzo in prima serata su Italia 1, nuovo appuntamento con “Le Iene Show”. Conducono Nicola Savino, Nadia Toffa, Andrea Agresti, Giulio Golia e Matteo Viviani.

Tra i servizi della puntata:

– Inchiesta di Pablo Trincia che racconta il caso di Mariam Moustafa, 18enne italiana morta nel pomeriggio di mercoledì 14 marzo a Nottingham, nel Regno Unito, dopo 3 settimane di coma.
Lo scorso 20 febbraio la giovane, studentessa di Ingegneria, sarebbe stata picchiata su un autobus da una baby gang di 8-10 ragazze che sembra l’avessero presa di mira da qualche tempo. Solo nella giornata di venerdì si è appreso che Mariam, di origini egiziane, ha cittadinanza italiana: nata a Roma e cresciuta a Ostia, si è poi trasferita oltremanica – insieme alla famiglia – quattro anni fa. La vicenda ha destato enorme clamore nel Paese anglosassone.

– Nina Palmieri torna a occuparsi della storia di Stephanie, la mamma 48enne alla quale, 29 anni fa, sarebbe stato portato via suo figlio Sandy dagli assistenti sociali. Era il 1989 e da allora la donna non si dà pace. Ecco perché non ha mai smesso di cercarlo, arrivando a rivolgersi a “Le Iene”. Sarà riuscita a riabbracciarlo?

– “Risciò”, l’app cinese tramite la quale è possibile prenotare un servizio di noleggio con conducente. Ma gli autisti di queste autovetture sarebbero privi di regolare licenza, quindi di abilitazione al ruolo, e non pagherebbero le tasse.
Matteo Viviani spiega come funziona questa realtà, sempre più radicata in Italia e nel mondo.

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.