Nel 2019 la propensione al risparmio delle famiglie aumenta lievemente all’8,2% e il loro potere d’acquisto aumenta dello 0,6%, confermando tuttavia la tendenza al rallentamento della crescita già presente negli anni precedenti.

Nelle società non finanziarie il valore aggiunto cresce dell’1,4% (+2,2% l’anno precedente) e il tasso di profitto subisce una ulteriore frenata, attestandosi al 41,6%. Il tasso di investimento scende lievemente al 21,6% (21,7% nel 2018).

Il valore aggiunto cresce dell’1,2% per le piccole imprese, definite “famiglie produttrici”, dello o,3% per le società finanziarie (-1,5% nel 2018).

 

 

Senza titolo