***

ASSOCIAZIONE TRANSDOLOMITES

Conferenza stampa "Ferrovia valli Avisio" (diretta video)

APSS, PAT E REPERIBILITA’ CONTESTATE: ATTENDIAMO LE DIMISSIONI DI SACCENTI E ARROGANTI

Nel corso del 2017 avevo approfondito la strana vicenda dei turni di pronta disponibilità del Dipartimento dell’Emergenza dell’Apss.

La situazione risultava perlomeno strana visto che prendendo ad esempio il 2016, il direttore inanellava 424 turni su 365 giorni di calendario, dovendo contemporaneamente svolgere anche il suo lavoro di direttore del dipartimento.

Naturalmente nulla che fosse messo a disposizione della comunità per spirito di servizio, ma dietro congruo compenso addirittura maggiorato vista la mole (circa 40mila euro solo per il 2016):

LINK

 

Come da prassi, Assessore e Dipartimento non rilevavano nulla da eccepire, confermando la correttezza dell’operato.

Idem l’Apss che, con l’intervento muscolare dei suoi vertici (https://www.ladige.it/news/cronaca/2018/03/11/lazienda-sanitaria-allattacco-degasperi) LINK non trovava nulla di meglio che minacciare me di denuncia.

Il diretto interessato invece mi invitava, con la saccenza tipica di chi è abituato ad avere sempre ragione, “ad informarmi”, di fatto dipingendomi come sprovveduto ignorante.

Oggi scopriamo che, dopo la mia segnalazione, la Procura della Corte dei Conti ha deciso di citare in giudizio il recordman delle reperibilità per danno erariale.

A prescindere dall’esito, evidentemente come ignorante che necessità di informarsi sono in autorevole compagnia.

Nel mentre la lista di chi, per dignità, sarebbe scontato lasciasse gli incarichi inizia ad allungarsi.

Non tanto per la vicenda in sé quanto piuttosto per l’arroganza, i tentativi di intimidazione e la mancanza assoluta di rispetto verso chi cerca di svolgere con disciplina il mandato conferitogli dai cittadini.

Ma siamo certi che tutti preferiranno fare finta di nulla approfittando del #cambianiente a cui ci ha ormai abituato Piazza Dante.

 

*

Filippo Degasperi