PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-19 Free - 21 puntata  (format Tv)

Tratto stradale Pinè – Molina e viabilità Sinistra e Destra Avisio: fondamentali sicurezza e ampliamento per Olimpiadi 2026.

L’incidente mortale avvenuto ieri – e non si è trattato certo del primo caso – sulla provinciale 71 che collega gli abitati di Sover, Piscine e Casatta in Valfloriana ha riportato sotto i riflettori una situazione nota da tempo.

Oltre a esprimere le mie sincere condoglianze ai parenti del motociclista purtroppo perito nell’incidente e la pronta ripresa ai due pensionati di Piscine miracolosamente incolumi, voglio supportare quanto dichiarato dal primo cittadino di Valfloriana Michele Tonini: la strada è obsoleta – è stata infatti progettata e realizzate nel suo primo tracciato tra gli anni ’60 e ’70 ed è tempo e ora che venga rivista e sistemata, in generale per garantire la sicurezza di coloro i quali, residenti e turisti (motociclisti, ma non solo) vi transitano ogni giorno e in particolare, ancor di più visto l’importante appuntamento delle Olimpiadi 2026; per tale evento,infatti, il rinnovamento delle strade, in particolare il tratto Pinè-Molina, sono – e lo sostengo da sempre – assolutamente fondamentali, ancor di più oggi con la nascita dell’ambito turistico che è andato proprio a riunire Fiemme, Cembra e il Pinetano.

Sistemare, ampliare e, laddove possibile, costruire nuovi tracciati più sicuri e facilmente percorribili su queste arterie stradali, potenziando nel contempo la mobilità pubblica, sarà fondamentale per recarsi al lavoro, transitare per turismo, raggiungere luoghi strategici come l’Ospedale di Cavalese e, ultimo ma primo per importanza, permettere che proprio attraverso una nuova e più sicura mobilità tutto il pinetano possa godere di una stagione invernale che attualmente fatica a portare avanti, date anche le difficili condizioni delle vie di comunicazione da e verso il pinetano e il suo altopiano.

Auspico pertanto che, alla luce di quanto sopra citato, la Provincia Autonoma di Trento voglia ora procedere speditamente verso un intervento urgente e risolutivo che, come fatto per la Destra Avisio, sia dedicato alla Sinistra Avisio. E’ davvero ora di aumentare la sicurezza e la fruibilità di tutto quel versante stradale approfittando anche dei lavori in corso del post Vaia i quali vanno parimenti conclusi presto e bene. Le Olimpiadi e l’occasione che esse rappresentano per l’economia e il turismo di questi territori e per tutto il Trentino, meritano davvero tali sforzi.

 

*

cons. Pietro De Godenz