News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

DALZOCCHIO (LEGA) * TRENTO – CORSO MEDICINA: « UN ENORME PASSO IN AVANTI PER LA NOSTRA PROVINCIA, GRAZIE ALLA GIUNTA FUGATTI ED ALLA LEGA »

Scritto da
11.00 - giovedì 20 agosto 2020

Il “Trentino del cambiamento” oggi è più vicino. È infatti giunto da Roma, nelle scorse ore, il definitivo nullaosta del Miur per l’avvio – con i primi test il 3 settembre e, a metà ottobre, le prime lezioni, Covid permettendo – del primo corso di laurea in Medicina e Chirurgia. I posti disponibili saranno 60 e detto corso avrà luogo in pieno centro città, a Trento, nelle aule di palazzo Consolati. Il Presidente Fugatti ha espresso «grande soddisfazione» per questo traguardo ed è difficile non condividerla, considerando il peso di questa novità.

Il nuovo corso di laurea in Medicina e Chirurgia a Trento – messo a punto con la collaborazione tra Università di Trento e quella di Verona – rappresenta infatti un significativo arricchimento della vocazione universitaria della nostra terra; un arricchimento di cui c’è bisogno particolarmente oggi, dato che quello che a breve partirà è un corso di laurea che investe un ramo del sapere – quello medico e sanitario – la cui prioritaria rilevanza è stata sottolineata proprio negli ultimi mesi dall’esperienza pandemica, che ha portato tutti a ricordare quanto sia decisiva la competenza e la formazione dei professionisti della salute.

Naturalmente, c’è chi si sta già adoperando per ridimensionare la portata – che definirei epocale – di questa novità per il Trentino. Peccato che i fatti parlano da soli; e credo dicano molto pure le parole del Rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, il quale ha dichiarato che «è stato fatto un bel lavoro in tempi rapidi». In effetti, in una provincia dove ai tempi del centrosinistra progetti non di rado faraonici poi si arenavano nella fase progettuale, con il primo corso di laurea in Medicina e Chirurgia, la Giunta Fugatti, l’Assessore alla cultura Mirko Bisesti e in generale il governo leghista del Trentino dimostrano che è possibile realizzare «un bel lavoro in tempi rapidi».

Quel che occorre, tuttavia, è la determinazione. La voglia di fare, soprattutto, affinché il «Trentino del cambiamento» divenga sempre più tale. Da questo punto di vista, che sia proprio la Lega – spesso accusata di ignoranza e ottusità – ad aver contribuito a portare in Trentino un nuovo corso di laurea, per di più fondamentale come medicina, confido possa aprire gli occhi a quanti hanno finora coltivato infondati pregiudizi. Pochi, comunque, perché la maggioranza dei trentini, ne sono certa, ha da tempo compreso lo spirito di concretezza e di servizio al bene comune che anima questa Giunta provinciale e questa maggioranza di governo, della quale oggi più che mai sono orgogliosa di far parte.

È quanto affermato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Mara Dalzocchio.

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.