VIDEONEWS & sponsored

(in )

CIVETTINI – INTERROGAZIONE * “CAVALESE E METANIZZAZIONE: QUANDO SI INTENDE MANTENERE LE PROMESSE OSCURATEDA SITUAZIONI POCO CHIARE?”

Cavalese e metanizzazione: quando si intende mantenere le promesse oscurate da situazioni poco chiare? Si passi dalle parole alla realizzazione dei collegamenti: una necessità concreta in alternativa ad altri sistemi deludenti!

*

Interrogazione – «L’amministrazione provinciale condivide l’importanza del servizio di distribuzione del gas naturale, per il quale ricopre il ruolo di stazione appaltante dell’ambito unico provinciale in base all’art. 34 della L.P. n. 20/2012 […] si rappresenta altresì come, con specifico riferimento al Comune di Cavalese ed insieme a tale ultimo […] l’Amministrazione provinciale stia valutando l’attuabilità […] di operare sul territorio comunale fin da subito attraverso la possibilità – recentemente riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico per i comuni non metanizzati nelle more dell’individuazione del nuovo gestore del servizio – di sviluppare specifici accordi con un comune limitrofo metanizzato affinché il distributore in quest’ultimo operante possa estendere la propria concessione e rete anche nel comune richiedente non metanizzato» (22.2.2017, Prot. n. A039/2017/ 102523 /2.5-2013-1091).

Con queste parole, quasi un anno fa, l’Amministrazione della Provincia Autonoma di Trento – corrispondendo ai quesiti dell’Interrogazione n. 3716/XV – dava una risposta complessivamente rassicurante rispetto alla metanizzazione in quel di Cavalese. Un paese dove non solo il servizio di distribuzione del gas naturale tarda ad essere reso disponibile, ma dove l’alternativa ultimamente proposta – quella del teleriscaldamento – pare stia deludendo molti utenti per motivazioni legate ai costi e alle difficoltà di allacciamento.

Di qui la necessità, senza polemica alcuna, sia chiaro, ma solo per dare voce alle istanze locali condivise da un gran numero di cittadini, di tornare sull’argomento con un apposito atto ispettivo finalizzato a comprendere meglio tempi e modi di quella metanizzazione così attesa dai cittadini di Cavalese, i quali non abbisognano più di promesse o rassicurazioni bensì di fatti.

 

Tutto ciò premesso, il sottoscritto consigliere interroga il Presidente della Giunta provinciale e l’Assessore provinciale competente per sapere:

 

Se sia a conoscenza di quanto riportato in premessa circa il fatto che a Cavalese l’opzione del teleriscaldamento pare stia deludendo molti utenti per motivazioni legate ai costi e alle difficoltà di allacciamento;

Se, come promesso e scritto, si intenda perseguire l’obiettivo della metanizzazione di valle, tanto richiesta dai residenti;

Quali passaggi in avanti, rispetto a quanto esposto ormai quasi un anno fa (22.2.2017, Prot. n. A039/2017/ 102523 /2.5-2013-1091), sono stati compiuti nel processo di fornitura e distribuzione del gas naturale in quel di Cavalese;

Entro quali termini e secondo quali modalità la metanizzazione così attesa dai cittadini di Cavalese – i quali non abbisognano più di promesse o rassicurazioni bensì di fatti – sarà effettiva e nel caso, quali siano lo stato dei progetti e degli appalti per i collegamenti.

 

 

A norma di regolamento si richiede risposta scritta.

 

Claudio Civettini

Civica trentina