News immediate,
non mediate!

CISL MEDICI – TRENTINO * FASE 2 PAT / COVID-19: PAOLI, « SIANO ADOTTATE MISURE ADEGUATE PER CONTENERE LA DIFFUSIONE DEL CONTAGIO E PER RIDURRE L’ESPOSIZIONE DEI NOSTRI SPECIALISTI »

Scritto da
16:33 - 24/04/2020

In vista della “Fase due” annunciata dal Presidente Fugatti, Cisl medici del Trentino-Settore Specialistica ambulatoriale interna- chiede che siano adottate misure adeguate per contenere la diffusione del covid19, ridurre l’esposizione dei nostri specialisti, ottimizzare l’utilizzo dei DPI a loro disposizione e tutelare la salute dei nostri concittadini/utenti/pazienti.

Esplicitiamo la richiesta che proviene dai nostri specialisti ambulatoriali interni Cisl medici che chiedono per esempio un kit contenente i DPI da utilizzare in base alle linee guida di ciascuna branca specialistica;ma anche di attivare i percorsi di igiene e sanificazione ambientale di tutta la struttura con particolare frequenza per gli ambulatori più a rischio, quali quelli cardiologici, ginecologici, chirurgici e otorinolaringoiatrici, assieme alla disponibilità di disinfettanti per le mani e mascherine chirurgiche per i pazienti nelle sale d’attesa; nonchè distanziamento sociale tra una seggiolina e l’altra.

Cisl medici settore Specialisti ambulatoriali interni propone anche la riorganizzazione dell’attività ambulatoriale e domiciliare mediante la telemedicina.

Nelle condizioni odierne, questi presidi ambulatoriali territoriali,a diretto contatto con il pubblico,rischiano di diventare, senza la loro messa in sicurezza, futuri focolai di infezione che si potrebbero ripresentare subito dopo l’estate.

Ci riferiamo, per esempio, al poliambulatorio del Crosina Sartori ,dove attualmente le visite oculistiche vengono effettuate in fondo ad un lungo corridoio cieco,con studi medici sotto terra, con finestratura da arieggiare insufficiente,con difficoltà non da poco per far entrare nell’ambulatorio specialistico il lettino su ruote dei pazienti provenienti dai piani dell’Ospedale.

Cisl medici del Trentino, settore Specialistica ambulatoria interna, ricorrerà ad ogni iniziativa per evitare che la volontà di ripartenza espressa dal Presidente della Provincia Autonoma di Trento, dott.Fugatti, per tornare alla normalità, possa avvenire mettendo in grave rischio la salute dei nostri professionisti specialisti e degli utenti dei poliambulatori.

Ricordiamo che dall’insediamento di questa Giunta due anni fa, la Specialistica ambulatoriale interna non è ancora stata nemmeno convocata in Comitato aziendale o provinciale, al fine di metterli in sicurezza, dare loro serenità lavorativa, onorare tale categoria come merita.

Improvvisazione e disorganizzazione sono stati alla base dell’inizio dei nostri contagi invernali, riempendo le fosse di pazienti, mandando in terapia intensiva parecchi nostri medici, portandoci via una valida collega e professionista quale era la dott.ssa Gaetana Trimarchi, fresca di diploma in Medicina Generale.

 

*

Dottor Nicola Paoli
Segretario Generale Cisl medici del Trentino

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.