News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

CIA – AMBROSI – ROSSATO (FDI) – INTERROGAZIONE * ” 33TRENTINE “: « IL PRESIDENTE KASWALDER ERA A CONOSCENZA DI UNA SCHEDA SU MARGHERITA “ MARA ” CAGOL? »

Scritto da
16.09 - martedì 11 maggio 2021

Gruppo consiliare Fratelli d’Italia. “33 Trentine: no ai soldi pubblici per propagandare i disvalori delle Brigate Rosse”.

“Il volume ‘33 Trentine’, stampato per iniziativa della Commissione provinciale Pari Opportunità tra donna e uomo e destinato agli studenti delle scuole medie, è salito alla ribalta delle cronache locali e nazionali per la scelta di inserire una scheda dedicata alla figura di Margherita ‘Mara’ Cagol, fondatrice delle Brigate Rosse assieme al marito Renato Curcio e morta in uno scontro a fuoco con i Carabinieri nel 1975.

Inutile dire che le due stringate facciate all’acqua di rose dedicate a Mara Cagol, corredate tra l’altro da illustrazioni in cui viene utilizzato in maniera disinvolta il gesto del ‘pugno chiuso’, non sono sicuramente sufficienti a comprendere questa figura e finiscono per svilire ed offendere le altre 32 trentine incluse nella pubblicazione che si sono distinte per impegno civile, capacità professionali e valore del pensiero e delle azioni.

Ritenendo vi fossero sicuramente donne trentine più meritevoli di essere inserite in tale pubblicazione, risulta ulteriormente triste dover constatare che gli ambienti di Palazzo Trentini (sede della presentazione del libro) sono stati utilizzati per dare risalto ai disvalori delle Brigate Rosse, soprattutto se si considera che, in modo provocatorio, per la presentazione del libro pare essere stata scelta una data vicina a quella del 9 maggio, che ogni anno ci ricorda il ritrovamento del cadavere di Aldo Moro dopo 55 giorni di prigionia e tortura operata dal “tribunale del popolo” istituito proprio dalle BR.

Il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ha presentato un’interrogazione sull’argomento, chiedendo al Presidente del Consiglio provinciale Kaswalder:

1. Se – nel momento in cui ha concesso la possibilità di utilizzare la Sala Aurora di Palazzo Trentini alla Commissione Pari Opportunità – fosse a conoscenza dell’inserimento all’interno del libro pubblicizzato di una scheda su Margherita “Mara” Cagol;

2. Se il libro abbia ricevuto il patrocinio della Regione autonoma Trentino – Alto Adige, della Provincia autonoma di Trento o dei Consigli provinciale e regionale;

3. Se la monografia sia stata pubblicata con il sostegno di fondi pubblici;

4. Qualora il quesito n. 3 ricevesse risposta affermativa, si chiede l’elenco degli Enti pubblici che hanno sostenuto la pubblicazione del libro e i relativi importi;

5. Se non ritenga corretto richiedere l’immediato blocco della distribuzione del libro all’interno dei plessi scolastici.

 

 

*
INTERROGAZIONE N.
UTILIZZO DI AMBIENTI E FONDI ISTITUZIONALI PER PROPAGANDARE I VALORI DELLE BRIGATE ROSSE DESTINATI ANCHE ALLE SCUOLE ?
Giovedì 6 maggio 2021, alla presenza del Presidente del Consiglio provinciale di Trento, presso Palazzo Trentini, all’interno della Sala Aurora, è stato presentato il volume “33 trentine” stampato per iniziativa della Commissione provinciale Pari Opportunità tra donna e uomo e destinato agli studenti delle scuole medie trentine. Tale pubblicazione segue la stampa del calendario 2020-2021, che ha già dato lustro e visibilità a ben 260 figure femminili e che era stato invece destinato ai ragazzi e alle ragazze delle superiori.
Il libro – frutto di ricerche storiche operate da Giorgia Decarli e dal Centro studi interdisciplinari di Genere del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale di UniTn (coordinamento della prorettrice Barbara Poggio) – è corredato da alcune illustrazioni realizzate dall’artista trentina Michela Nanut e contiene 33 biografie di donne importanti nelle arti, nelle scienze e nella società, nate in Trentino o che hanno attraversato nei secoli la nostra Provincia.

Negli ultimi giorni tale pubblicazione è salita alla ribalta delle cronache locali e nazionali (Il Fatto Quotidiano, il Giornale, il Corriere della Sera ecc.) per via della scelta di inserire una scheda dedicata alla figura di Margherita “Mara” Cagol, fondatrice delle Brigate Rosse assieme al marito Renato Curcio e morta in uno scontro a fuoco con i Carabinieri nel 1975. “Abbiamo scelto di riportare anche questa biografia – si legge nel volume – per sottolineare che la forza delle donne può anche essere distruttiva se non è ispirata a valori quali la convivenza pacifica e la non violenza”. A spaventare sono soprattutto gli auspici della Presidente della C.p.o e della Vice- Presidente, le quali sperano che la pubblicazione possa costituire uno strumento didattico per i docenti complementare ai libri di testo già in adozione e che essa serva ad abbattere gli stereotipi di genere infondendo fiducia nelle ragazze, che “hanno bisogno di modelli femminili importanti che siano di esempio e ispirazione”. Inutile dire che le due stringate facciate all’acqua di rose dedicate a Margherita “Mara” Cagol, corredate tra l’altro da illustrazioni in cui viene utilizzato in maniera disinvolta il gesto del “pugno chiuso” non sono sicuramente sufficienti a comprendere questa figura
e finiscono per svilire ed offendere le altre 32 trentine incluse nella pubblicazione che si sono guadagnate i meriti attraverso il proprio impegno, le capacità professionali e il valore del pensiero e delle loro azioni.

Ritenendo vi fossero sicuramente donne trentine più meritevoli di essere inserite in tale pubblicazione, risulta ulteriormente triste dover constatare che gli ambienti di Palazzo Trentini sono stati utilizzati per dare risalto ai disvalori delle Brigate Rosse, soprattutto se si considera che in modo provocatorio per la presentazione pare essere stata scelta una data vicina a quella del 9 maggio, che ogni anno ci ricorda il ritrovamento del cadavere di Aldo Moro dopo 55 giorni di prigionia e tortura operata dal c.d. “Tribunale del popolo” istituito proprio dalle BR.

 

si interroga il Presidente del Consiglio provinciale per sapere:

1. Se – nel momento in cui ha concesso la possibilità di utilizzare la Sala Aurora di Palazzo Trentini alla Commissione Pari Opportunità – fosse a conoscenza dell’inserimento all’interno del libro pubblicizzato di una scheda su Margherita “Mara” Cagol;

2. Se il libro abbia ricevuto il patrocinio della Regione autonoma Trentino – Alto Adige, della Provincia autonoma di Trento o dei Consigli provinciale e regionale;

3. Se la monografia sia stata pubblicata con il sostegno di fondi pubblici;

4. Qualora il quesito n. 3 ricevesse risposta affermativa, si chiede l’elenco degli Enti pubblici che hanno sostenuto la pubblicazione del libro ed i relativi importi;

5. Se non ritenga corretto richiedere l’immediato blocco della distribuzione del libro all’interno dei plessi scolastici.

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

 

*
Cons. Claudio Cia

Cons. Alessia Ambrosi

Cons. Katia Rossato

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.