«Quale futuro per Trento Expo?»

Intervista a Milo Marsilli - Presidente Keeptop fiere

La prossima iniziativa di Transdolomites in collaborazione con la Camera di Commercio di Bolzano e la Sezione Trasporti di Assoimprenditori Alto Adige.

Il percorso dell’affinamento del progetto del Brennero deve spingere l’Euregio ad una riflessione sull’opportunità di creare una rete ferroviaria di collegamento intervallivo in grado di connettere tra loro le principali realtà dei territori e di migliorare l’accessibilità al corridoio del Brennero.

Questo dovrebbe mirare soprattutto a facilitare l’integrazione delle valli periferiche in un contesto nazionale ed europeo promuovendo nel contempo un loro sviluppo bilanciato.

Si dovrà valutare in particolare la possibile previsione dei raccordi e delle connessioni con il sistema infrastrutturale collaterale all’asse principale di ciascun corridoio, in particolare per l’accesso alle località turistiche.

Una volta completata la Galleria di base del Brennero, sulla linea storica si libereranno nuovi spazi per lo sviluppo del trasporto regionale. La BBT può diventare così un fattore motivante per spingere l’Euregio a ripensare le proprie strategie di trasporto pubblico locale (TPL).

Guardando sempre alla BBT la sfida che va colta sta nel fatto che i treni ad alta velocità fermeranno soltanto nelle città capoluogo dell’Euregio. Toccherà alle amministrazioni dei tre territori assicurare che la catena dei trasporti raggiunga in modo capillare anche la periferia.

In Alto Adige e in Trentino la maggior parte dei centri turistici non è dotata, al momento, di un efficiente sistema di TPL, né è pensabile che l’attuale offerta di servizi sia in grado di far fronte alla domanda futura di mobilità.

Per offrire un servizio di trasporto pubblico locale capace di attrattiva servono sistemi coordinati con standard di efficienza omogenei.

Da ciò si evince che è necessario preparare l’Euregio a questo cambiamento.

 

*
Massimo Girardi
Presidente Associazione Transdolomites

 

 

 

 

(Foto: Idm Südtirol – Hans-Peter Leu)