News immediate,
non mediate!

CGIL CISL UIL – TRENTINO * CAMBIAMENTO CLIMATICO: « IMPORTANTE DIROTTARE PARTE DELLE RISORSE EUROPEE E NAZIONALI IN INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA »

Scritto da
16:26 - 2/09/2020

Cambiamento climatico, investire sul sostenibilità e manutenzione del territorio. Cgil Cisl Uil: è importante dirottare parte delle risorse europee e nazionali in interventi per la messa in sicurezza. Così si può creare sviluppo e occupazione.

“I danni prodotti dall’ultima ondata di maltempo sul nostro territorio, le pesanti conseguenze sull’agricoltura e anche sul sistema di trasporti locale è solo l’ultimo monito sugli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Purtroppo episodi estremi di questo tipo rischiano di diventare sempre più frequenti e impongono scelte non più rinviabili sul piano degli investimenti e un cambio di passo nelle politiche di sviluppo economico e di protezione del territorio”.

Ad affermarlo sono i segretari provinciali di Cgil Cisl Uil del Trentino, che sottolineano l’urgenza di pianificare e finanziare un potenziamento degli interventi, inserendo i progetti di messa in sicurezza del territorio e di sviluppo sostenibile, tra le priorità del piano di opere pubbliche. “Parte delle risorse aggiuntive che arrivano dallo Stato a compensazione del minor gettito, i famosi 270 milioni, così come i fondi straordinari europei devono servire per alimentare un piano straordinario di interventi sul territorio – spiegano Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti -.

Investire sulla protezione e la sicurezza del nostro territorio, sulle sue risorse idriche, sulla manutenzione del sistema delle reti, non è solo una difesa di fronte ad episodi meteorologici sempre più importanti e violenti, ma è anche un’occasione per valorizzare il nostro ambiente naturale, punto di forza per rafforzare l’affermazione dell’agricoltura biologica e di un turismo davvero sostenibile, competitivo e di qualità sui mercati nazionali ed internazionali. Scelte in questa direzione possono diventare anche l’occasione per creare occupazione nella fase post Covid”.

L’ambiente dunque come spinta e non come freno alla crescita economica. “Mettere in sicurezza il territorio, le nostre montagna, i fiumi e i torrenti, le reti di distribuzione idrica, potenziando anche con risorse aggiuntive l’attività svolta dai Bacini montani è l’occasione per mettere in sicurezza le comunità periferiche e la loro economia, realtà che spesso pagano il prezzo più alto degli effetti del cambiamento climatico anche nella nostra provincia”.

Investire sulla protezione del territorio e sulla sostenibilità ambientale è anche l’occasione di creare nuovi posti di lavoro. A patto però di rafforzare anche gli investimenti in sicurezza sul lavoro. “Questo ambito può rivelarsi un’opportunità per il reinserimento occupazionale di persone espulse dal mercato del lavoro se si investe in formazione e riqualificazione delle figure professionali. Allo stesso tempo si può creare lo spazio per posti di lavoro per figure qualificate che possono contribuire ad innovare le direttrici del nostro sviluppo in chiave ambientale”, concludono i tre segretari.

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.