News immediate,
non mediate!

Candidata FdI Cinzia Cellucci (Comune Rovereto) – Lettera ai cittadini

FONDAZIONE TRENTINA ALCIDE DE GASPERI E COMUNE TRENTO * “PERCHÉ L’EUROPA NON RIESCE A STARE IN PACE?“: « APPUNTAMENTO ON-LINE CON IL POLITOLOGO STRAZZARI (2/3 ORE 17.00) »

Scritto da
10.59 - lunedì 27 febbraio 2023

Giovedì 2 marzo il webinar. Perché l’Europa non riesce a stare in pace? Giovedì 2 marzo alle 17.00 appuntamento online con il politologo Francesco Strazzari per analizzare gli scontri ideologici alla base del conflitto in Ucraina e discutere sulla necessità di creare un esercito comune europeo.
Il webinar si inserisce nel ciclo d’incontri organizzato dai giovani partecipanti a Visioni d’Europa, un progetto di formazione promosso dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi e dall’Ufficio Politiche Giovanili del Comune di Trento.

“Se un trauma arriva inatteso a destabilizzare la nostra capacità di comprendere, è solo perché ci siamo dotati di un apparato teorico pieno di angoli ciechi”. Scrive così Francesco Strazzari, professore di Relazioni internazionali alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e autore di Frontiera Ucraina, uscito per Il Mulino nel 2022. La sua idea è molto chiara: in terra ucraina non si sta combattendo solo una battaglia militare, perché è in atto un vero e proprio scontro ideologico tra visioni del mondo diverse che cambierà per sempre l’equilibrio internazionale. C’è lo sguardo imperiale russo, che costruisce la propria propaganda sui presunti fasti di un recente passato. C’è l’orgoglio nazionale ucraino che, come tanti paesi ex-colonizzati, deve far convivere diverse identità tenendo a bada i nazionalismi crescenti. C’è infine la spinta liberaldemocratica europea, sempre più fragile, alla ricerca affannosa di un discorso pubblico che sostenga l’intervento a favore degli ucraini e si scrolli di dosso l’accusa di essere “esportatrice di democrazia”.

Si discuterà di tutti questi temi proprio con Francesco Strazzari nel webinar di giovedì 2 marzo alle 17.00, gratuito e dal titolo Perché l’Europa non riesce a stare in pace? L’analisi ci porterà a comprendere i motivi che hanno permesso alla guerra di bussare nuovamente alle porte dell’Europa, a trent’anni dal conflitto balcanico che ha ridisegnato con molta difficoltà la geografia di quei territori. Sarà anche l’occasione per riflettere sulle possibilità dell’UE in tema di politica estera e discutere dell’ipotesi della creazione di un esercito comune europeo, così come l’aveva immaginato De Gasperi con la CED (Comunità europea di difesa) nel 1952, un progetto di collaborazione militare che fallì poco prima della sua morte.

Il webinar è il quinto appuntamento di un ciclo di incontri volti ad approfondire alcuni temi chiave dell’Unione europea (dalle fake news alla politica migratoria, dalla crisi climatica alla uerra) organizzati dai giovani partecipanti al progetto Visioni d’Europa. Sulle tracce dei padri fondatori e delle madri fondatrici dell’UE. Il webinar è gratuito e si svolgerà sulla piattaforma Zoom. È necessario iscriversi sul sito della Fondazione (www.degasperitn.it), dove si può consultare il programma completo degli appuntamenti. Il ciclo di incontri è valido ai fini dell’aggiornamento degli insegnanti. Per informazioni scrivere a didattica.fdg@degasperitn.it

LINK

Francesco Strazzari. È professore di Relazioni internazionali alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e Adjunct Professor in International Relations presso SAIS Europe – The Johns Hopkins University. Specializzato sui temi della violenza politica e della criminalità organizzata transnazionale, interviene spesso in qualità di esperto in programmi Rai e LA7.

Visioni d’Europa è un progetto europeo coordinato dalla Fondazione in collaborazione con l’Ufficio Politiche giovanili del Comune di Trento e sostenuto dalla Commissione europea e dal Consiglio d’Europa nell’ambito delle Giornate europee del patrimonio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.